ARCHIVIO – Airoldi e Muzzi: in mostra i due Papi che hanno cambiato la storia del XX secolo

0

LECCO – Oltre un centinaio di fotografie per raccontare i momenti più significativi dei pontificati di Angelo Giuseppe Roncalli e Karol Wojtyła. Prosegue sino al 31 gennaio 2015 la mostra fotografica Due Papi che hanno cambiato la nostra storia, inaugurata sabato 13 dicembre a Lecco, all’interno degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi. Un’occasione, quindi, per ripercorre i pontificati di due Papi da poco proclamati santi da Papa Bergoglio: una mostra a cui si affiancherà un incontro di approfondimento con il giornalista inviato di Avvenire ed esperto di Europa Orientale Luigi Geninazzi e con il nipote di Papa Giovanni XXIII, Beltramino Roncalli. Conferenza, questa, prevista per mercoledì 17 gennaio alle 15.30, presso la sala polifunzionale degli Istituti.

papa giovanniTornando alla mostra, sono precisamente 120 le fotografie esposte e suddivise in due sezioni, che, come detto, raccontano alcuni momenti salienti della vita dei due Papi. La prima sezione raccoglie una serie di foto in bianco e nero dedicate a Papa Roncalli, il pontefice che ha rivoluzionato la Chiesa con il Concilio Vaticano II. A questo proposito, si possono osservare anche gli scatti che lo ritraggono durante la benedizione della folla durante l’apertura dei lavori del Concilio. È invece dedicata a Giovanni Paolo II e al suo pontificato, il più lungo del XX secolo, la seconda parte dell’esposizione. Numerose le foto, questa volta a colori, che ritraggono Karol Wojtyła, un Papa che è stato fondamentale per il mutamento geopolitico dei paesi dell’Europa dell’Est. All’interno della mostra è possibile ammirare il pontefice ritratto in scene di vita pubblica e privata: si va, infatti, da immagini dei suoi viaggi, a fotografie del pontefice in aereo o sugli sci, fino a scatti che lo immortalano in momenti di solitudine e meditazione privata.

La mostra è visitabile fino al 31 gennaio 2015 nei seguenti orari:

- dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 20

- il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 20

Share.

L'autore di questo articolo