ARCHIVIO – Chagall, Miró, De Chirico e Dubuffet: quattro approfondimenti a Olginate

0

OLGINATE – Chagall, Miró, De Chirico e Dubuffet. Quattro grandi nomi del Novecento, protagonisti di un ciclo di incontri di approfondimento promossi dal Comune di Olginate. Si tratta di Semplicemente Artisti. Quattro grandi del ‘900, la piccola rassegna che a partire dall’8 di aprile proporrà una serie di appuntamenti del mercoledì, ciascuno incentrato su una delle quattro figure citate. A intervenire durante le serate, tutte in programma per le 20.45, presso l’Aula Magna della scuola Carducci (via Marconi 4) di Olginate, sarà il critico d’arte nonché assessore alla Cultura del Comune di Lecco Michele Tavola, che di mercoledì in mercoledì condurrà alla scoperta di questi artisti.

chagall la passeggiataSi parte, come anticipato, mercoledì 8 aprile, serata in cui si parlerà di Marc Chagall, pittore bielorusso naturalizzato francese il cui linguaggio può essere considerato come il risultato della commistione tra le maggiori tradizioni occidentali europee, dalla cultura ebraica cui appartiene a quella russa, passando per le avanguardie novecentesche conosciute a Parigi, luogo in cui Chagall «ha trovato – si legge nella presentazione dell’incontro – la sua dimensione artistica ideale e se stesso. Violinisti sui tetti e spose che volano – si legge ancora – popolano il visionario immaginario figurativo di uno dei più originali e inclassificabili artisti del Novecento».

miro1Mercoledì 15 aprile l’appuntamento è, invece, con l’artista che è il poeta del colore. Si tratta dello spagnolo Joan Miró, colui che con «i pennelli intrisi di pigmento riusciva a dire ciò che Jacques Prévert, Paul Eluard e Raymond Queneau, suoi grandi amici, esprimevano con le parole». Surrealista, sperimentatore, Miró è come «sospeso tra figurazione e astrazione».

de chiricoSi prosegue, poi, il mercoledì successivo con il padre della Metafisica, uno tra gli artisti italiani più noti e apprezzati nel mondo. Si tratta, ovviamente, di Giorgio De Chirico, di cui Tavola parlerà nella serata del 22 aprile. L’incontro prenderà le mosse da un articolo del 1939, nel quale lo stesso pittore racconta Una gita a Lecco. Il tema, protagonista della grande mostra che sarà allestita a Palazzo delle Paure, a Lecco, a partire dal prossimo 13 di giugno, verrà quindi affrontato nel corso della serata olginatese, «alla scoperta – si legge nella presentazione dell’evento – di un De Chirico inedito, visto da quel ramo del lago di Como».

dubuffetInfine, a chiudere la rassegna sarà un pittore e scultore francese fuori dal comune: Jean Dubuffet. «Emblema della controcultura, è stato uno degli artisti più irriverenti, anomali e spiazzanti del ventesimo secolo. Inventore del proprio universo espressivo, ha saputo creare linguaggi nuovi e inediti. Le sue forme primitive e violente aggrediscono lo spettatore e lo interrogano sul senso dell’arte e della vita».

Tutti gli incontri sono in programma a partire dalle 20.45, presso l’Aula Magna della scuola Carducci di Olginate.

Share.

L'autore di questo articolo