Le Pro Loco, motore per il turismo “slow”. Il racconto del Convegno a Varenna

0

VARENNA – Una sinergia che può diventare ricchezza per il territorio e fare da trampolino per uno sviluppo turistico di qualità e in chiave rigorosamente slow. Protagonisti di un simile modello di cooperazione 24 Pro Loco del lecchese, che affiancate da professionisti del settore hanno dato vita a un progetto lodevole, di cui sono stati illustrati i risultati,le esperienze e i propositi per il futuro durante il convegno che si è tenuto sabato 25 ottobre a Villa Monastero, a Varenna. Camminando con le Pro Loco : turismo slow – Esperienze e prospettive: questo il titolo, infatti, dell’incontro promosso dalla Provincia di Lecco e da Unpli Lecco, organizzato in collaborazione con BRIGcoop. Un’iniziativa che a partire dalle 9.30 di sabato i protagonisti di una ricca stagione di itinerari turistici, proposti con successo sul territorio lecchese.

Un’idea interessante e originale, che ha visto le Pro Loco coinvolte spingersi oltre il rispettivo e sempre molto amato territorio, per cooperare e proporre tutte insieme iniziative in grado di valorizzare in modo trasversale antichi sentieri, saperi e sapori, promuovendo il patrimonio artistico e paesaggistico e riscoprendolo lentamente. E così, dopo una lunga stagione di itinerari tra le colline, i borghi e le ville della Brianza, tra i pascoli e le baite della Valsassina e tra i panorami e le testimonianze storico-artistiche del Sentiero del Viandante, ecco che sabato si è fatto il punto della situazione, rinnovando il desiderio di cooperazione anche per i mesi a venire.

convegno1Ad aprire il convegno è stato il neoeletto Presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano, il quale non ha mancato di auspicare che simili iniziative possano crescere sempre di più, aumentando le sinergie e facendo sempre più sistema. Un sistema al quale anche la Provincia di Lecco assicura di voler prendere parte, tanto che il nuovo assessore al Turismo, Paolo Ferrara, ha sottolineato la massima disponibilità delle amministrazioni locali a collaborare con le Pro Loco per la valorizzazione dei sentieri. Sì, perché accanto alle Pro Loco – innegabile anima del progetto, rappresentata durante il convegno dal Presidente di UNPLI Lombardia Pietro Segalini, dal delegato lecchese di UNPLI Lombardia Roberto Erba e dal coordinatore delle Pro Loco del Lario Angelo Colombo - fondamentale diviene il sostegno di istituzioni e di professionisti. A questi ultimi, infatti, il ruolo di «supportare – ha spiegato, infatti, Matteo Tavola di BRIGcoop – l’azione dei volontari attraverso strategie e tecnologie mirate. L’uso di social e mobile media fornisce, quindi, sostegno alle azioni delle Pro Loco, arricchendone l’offerta con app e strumenti sempre all’avanguardia».

programma convegno plMa il convegno è stato anche l’occasione per guardare oltre il territorio, per conoscere esperienze significative provenienti da altri luoghi. Presente durante la mattinata, infatti, Massimo Tedeschi, Presidente dell’Associazione Europea Vie Francigene, cammino che quest’anno festeggia il ventesimo anno come Itinerario culturale del Consiglio d’Europa. Il Professore quindi ha illustrato ai presenti il progetto di valorizzazione dello storico tracciato, sottolineando come sia proprio il sentiero, e quindi il turismo lento, il modello attraverso il quale è possibile valorizzare anche luoghi e monumenti minori.

Al tavolo dei relatori, poi, anche la coordinatrice del Sistema Museale della Provincia di Lecco Annamaria Ranzi, che ha presentato il progetto SimpleWays attraverso il quale si sta operando per valorizzare i piccoli e grandi musei del lecchese e con loro i punti d’interesse circostanti, e Claudia Crippa della Condotta SlowFood di Lecco, la quale ha focalizzato l’attenzione su come la valorizzazione in senso turistico possa essere efficace solo in presenza di una seria consapevolezza e competenza, da parte di chi vive i territori, dei valori e delle eccellenze degli stessi.

viandanteA conclusione delle testimonianze presentate, una tavola rotonda ricca di spunti e proposte per il prossimo anno. Confermata, infatti, la presenza delle Pro Loco alla Bit, fiera di riferimento per il turismo, segno di svolta e riconoscimento del valore centrale delle associazioni di volontari all’interno del quadro di promozione turistica. Un fermento propositivo volto a cercare una dimensione collettiva del turismo locale, una sinergia vera, supportata e coordinata da tecnologie al passo con i tempi e le trasformazioni delle esigenze del nuovo turista. Preparato e competente, il turista progetta il suo itinerario di viaggio e cerca in un territorio, ricco di eccellenze come il nostro, una preparazione altrettanto elevata.

 

Share.

L'autore di questo articolo