ARCHIVIO – Martedì la “lectio dialectalis” di De Sfroos. Appuntamento al Politecnico

0

LECCO – Sarà Davide Van De Sfroos il protagonista del terzo appuntamento del ciclo di conferenze Le Primavere di Lecco. Non temete le vostre radici, questo il titolo della lectio dialectalis che il cantautore lariano terrà martedì 10 giugno alle 20.45, presso l’Aula Magna del Polo territoriale di Lecco del Politecnico di Milano. Durante l’incontro, promosso dal quotidiano La Provincia di Lecco, Davide Van de Sfroos spiegherà ai presenti le ragioni che lo hanno spinto a scrivere i suoi testi in dialetto, ripercorrendo una carriera di musicista e scrittore lunga, ormai, più di vent’anni. L’artista racconterà quindi dei suoi personaggi, accomunati dalla caratteristica di vivere nei piccoli paesi rivieraschi, da lui conosciuti e studiati, e da quella di esprimersi attraverso il dialetto tramezzino, chiamato anche laghée. Un mondo, quello creato dal cantautore, popolato da personaggi familiari e allo stesso tempo eroici, alle prese con una realtà poetica e a volte avventurosa.

tra terra e acquaLa valorizzazione delle radici di un territorio è quindi, da sempre, la prerogativa di Davide Van De Sfroos, che proprio per questa ragione è stato scelto dalla Regione come testimonial ufficiale della Lombardia per Expo 2015. Un compito che il cantante sta affrontando portando in giro per la Lombardia lo spettacolo Terra&Acqua di Lombardia – Expo Tour. Per quanto riguarda il territorio lecchese, già ufficiale la data di Garlate, dove il 17 luglio, alle 21.30, l’artista cresciuto a Mezzegra porterà un’esibizione che lo vedrà alternare le sue canzoni a contributi video riguardanti le bellezze del territorio lombardo e a duetti con le band ospiti. Terra & Acqua è infatti «un viaggio – spiega il cantautore – per scoprire la Lombardia, le sue bellezze, le sue culture e le sue tradizioni. In ogni tappa organizzeremo la giornata in modo da far conoscere a tutti, ma davvero a tutti, l’Expo e dare l’occasione al territorio di mettersi in vetrina con le sue caratteristiche ed eccellenze. Tra queste eccellenze intendo anche quegli artisti “a chilometro zero”, che cantano della loro terra ma – conclude – non sono super conosciuti».

Per ora, in attesa dello spettacolo, l’appuntamento è con la lectio dialectalis di martedì.

Share.

L'autore di questo articolo

È il flâneur numero uno, ideatore e cofondatore del giornale. Seduto ai tavolini di un qualche bar parigino, lo immaginiamo immerso nei suoi amati libri, che colleziona senza sosta e che non sa più dove mettere. Appassionato di Storia e, in particolare, di Storia culturale, è un inarrestabile studente (!): tutto è per lui materia da conoscere e approfondire. Laurea? Quale se non Storia del mondo contemporaneo?! Tesi? Un malloppo sul multiculturalismo di Sarajevo nella letteratura, che gli è valso la lode. Travolto da un vortice di lavori – giornalista, insegnante di Storia, istruttore del Basket Lecco – tra una corsa di qua e una di là ama perdersi nel folk-rock americano, nei film di Martin Scorsese e di Woody Allen, nella letteratura mitteleuropea e, da perfetto flâneur, nelle strade della cara e vecchia Europa. Per contattarlo: daniele.frisco@ilflaneur.com