ARCHIVIO – Alla Libreria Volante Giordano Tedoldi presenta il suo “Io odio John Updike”

0

LECCO – Un libro diventato velocemente un cult per i pochi fortunati che lo hanno conosciuto e apprezzato, ma anche un libro che per diversi anni non è stato più in circolazione. Stiamo parlando di Io odio John Updike, l’esordio letterario di Giordano Tedoldi, uscito per la prima volta edito da Fazi nel 2006 e di nuovo in libreria a distanza di dieci anni grazie a minimum fax. Il volume, che nella riedizione contiene un nuovo racconto, verrà presentato venerdì 26 gennaio alle 18.30 alla Libreria Volante di Lecco.

tedoldiUn incontro con l’autore di un’opera considerata, nonostante i soli dieci anni di vita, ormai di culto e che presenta una serie di racconti inquietanti e misteriosi con ambientazioni noir e allucinate, tanto da far definire Tedoldi quasi l’alter-ego letterario e italiano di Francis Bacon e David Lynch. Da gare automobilistiche in una Roma notturna a uno scapolo innamorato della madre morente che affida il suo tempo a un computer  che chiama George. E poi ancora un uomo che insegue una mulatta incontrata a un corso di scrittura e una donna che insegue un devastatore in camicia di lino con la speranza di farsi devastare a sua volta. Questi e molti altri gli oscuri personaggi protagonisti dei racconti di Tedoldi che tornano per la seconda volta in libreria, nel tentativo di provocare la stessa reazione che suscitarono nei lettori di dieci anni fa.

«Io stesso ricordo – spiega infatti Nicola Lagioia, editor della collana di narrativa italiana di minimun fax Nichel – lo stupore e l’ammirazione che provai quando affrontai per la prima volta questi racconti così belli, moderni, scintillanti, inquietanti, pieni di fascino e mistero. Quel libro – prosegue – fu una sorta di diamante nero piovuto dallo spazio nel mondo dell’editoria italiana mentre si occupava d’altro. Quelli che lo lessero, cominciarono a parlarne tra di loro come si fa quando si condivide un segreto».

Share.

L'autore di questo articolo