ARCHIVIO – Giampaolo Simi alla Libreria Volante di Lecco:
in programma la presentazione de “I giorni del giudizio”

0

LECCO – Scrittore, giornalista, soggettista e sceneggiatore per serie tv italiane. Giampaolo Simi di ritorno a Lecco per presentare, questa volta, il suo I giorni del giudizio, edito da Sellerio. Un nuovo appuntamento per La Libreria Volante di via Bovara, che dopo aver ospitato, la scorsa domenica, Stefania Auci, continua ora il suo calendario di incontri con gli autori e propone per sabato 23 novembre 2019 (alle 18) la presentazione dell’ultima fatica dello scrittore toscano.

Un romanzo ambientato nei dintorni di Lucca, con un duplice omicidio, un sospettato, una giuria popolare che, superate l’inesperienza e le iniziali diffidenze reciproche, un po’ alla volta comprende il peso di decidere della vita di un’altra persona: questi gli ingredienti di un’opera che concentra la narrazione soprattutto sui sei membri della giuria popolare, così da mettere in luce cosa si muova dentro di loro e ripercorrere il progredire della verità giudiziaria e insieme umana di imputati, testimoni e giudici.

Un libro che si apre, come detto, con due omicidi: siamo in una tenuta toscana e una donna poco più che quarantenne viene trovata morta. Non lontano da lì un altro corpo senza vita, quello di un giovane che lavorava nella tenuta e che da poco è stato licenziato. A unire i due delitti un unico sospettato, la cui colpevolezza o meno dovrà essere decretata dalla giuria popolare: sei persone comuni – dalla bibliotecaria femminista al pensionato arrabbiato, dal giovane youtuber alla precaria – con opposte visioni dei fatti ma accomunate da una crescente consapevolezza del proprio ruolo nel processo. «La pressione dell’opinione pubblica è molto forte – si legge, infatti, nella presentazione del libro – ma a poco a poco si fa strada la consapevolezza che quello che stanno vivendo è il momento più alto della propria vita ed emerge un inatteso desiderio comune di comprendere più profondamente, più apertamente».

 

Share.

L'autore di questo articolo