ARCHIVIO – Gli ultimi 25 anni di mafia. Nando Dalla Chiesa ospite di “Discorsi sotto i Cipressi”

0

passaggio a nordVARENNA – Nando Dalla Chiesa ospite di Discorsi sotto i Cipressi, serie di incontri e cene con scrittori organizzati dall’associazione LetteLariaMente e in programma nei giardini di Villa Cipressi, a Varenna. Un’iniziativa che, oltre a fornire occasioni per ascoltare gli ospiti presenti, intende dare al pubblico l’opportunità di conoscerli più da vicino, prendendo parte a cene e aperitivi più conviviali.

Appuntamento di punta di settembre quello fissato per martedì 19, quando a partire dalle 19 prenderà il via la serata in compagnia di Nando Dalla Chiesa, noto scrittore, professore universitario, uomo politico e figlio del generale Carlo Alberto assassinato dalla mafia il 3 settembre del 1982, a Palermo. Dopo l’aperitivo con l’autore (in programma per le 19. Prezzo 20 euro, prenotazione consigliata: 3482644190, segreteria@lettelariamente.it), dalle 20.45 Dalla Chiesa parlerà degli ultimi 25 anni di mafia e dialogherà con Costantino Ruscigno di LetteLariaMente, il tutto prendendo spunto dai suoi ultimi due libri: Passaggio a Nord e Una strage semplice (l’ingresso alla conferenza è libero).

una strage semplice«La mafia – si legge nel primo dei due volumi – fa parte integrante della storia d’Italia. Vi ha messo lunghe e larghe radici. Ma la storia lontana e recente d’Italia viene scritta ignorando la sua esistenza. Come se la mafia non l’avesse attraversata dalla nascita del Regno unitario fino a oggi». Una grande rimozione, quindi, che secondo il noto professore «vale esponenzialmente per il Nord, dove le organizzazioni mafiose stanno attivamente partecipando alla costruzione della storia presente, dopo averne gettato la loro parte di fondamenta nei decenni passati».  Un tema, quello del nord e del sud Italia, che ritorna anche nell’ultimissimo lavoro di Dalla Chiesa, Una strage semplice, dove l’autore parte dalle stragi di Capaci e D’Amelio per tratteggiare un Paese che sembrava impazzire, «mentre Milano osannava i giudici – si legge – e a Palermo terribili immagini di guerra ne raccontavano la carneficina. Due Italie all’apparenza lontane e invece segretamente vicine». Perché quella che «portò a morte prima Giovanni Falcone e poi Paolo Borsellino fu una strage semplice, frutto di una logica lineare. Che vide convergere Sud e Nord, economia e politica».

ALTRO APPUNTAMENTO DI SETTEMBRE - Secondo ospite del mese sarà Roberto Ippolito, giornalista che mercoledì 27 Settembre alle 18 sarà a Villa Cipressi per presentare il suo ultimo libro: Eurosprechi – Tutti i soldi che l’Unione butta via a nostra insaputa. Un volume, questo, che mette nero su bianco gli sprechi dell’Unione Europea. La presentazione sarà seguita, alle 20, dalla cena con l’autore (prezzo 30 euro, prenotazione consigliata).

Share.

L'autore di questo articolo