ARCHIVIO – Valgreghentino: alla biblioteca civica un aperitivo letterario con la scrittrice Paola Cereda

0

VALGREGHENTINO – Un aperitivo letterario in compagnia della scrittrice Paola Cereda. Dopo la presentazione in anteprima assoluta del suo ultimo romanzo avvenuta lo scorso 6 maggio nell’ambito del festival letterario brianzolo iterfestival, la scrittrice nata a Veduggio e oggi residente a Torino torna sul territorio per parlare di Confessioni audaci di un ballerino di liscio, romanzo edito da Baldini & Castoldi. Un appuntamento, questo, organizzato dal Comune e dalla Biblioteca civica di Valgreghentino in collaborazione con PEREGOLIBRI, fissato per sabato 17 giugno alle 19 all’interno della stessa biblioteca organizzatrice (via Luigi Tavola 6) e che accanto alle parole della scrittrice potrà contare sulla musica dal vivo di Paola Luffarelli alla chitarra e alla voce e di Saro Calandi alla fisarmonica.

L’AUTRICE - Dopo un periodo come assistente alla regia in ambito professionistico e un lungo giro per il mondo, nel 2009 Paola Cereda è finalista al Premio Calvino con il romanzo Della vita di Alfredo (Bellavite). Poi, nel 2014, pubblica Se chiedi al vento di restare, seguito nel 2015 da Le tre notti dell’abbondanza. Ora, a distanza di due anni, un nuovo lavoro: un romanzo che racconta del Sorriso dancing club, balera più famosa del Polesine che compie cinquant’anni.

CONFESSIONI CEREDA«Il suo proprietario, Frank Saponara, organizza – così si legge nella presentazione del volume – una grande festa di compleanno alla quale partecipa l’intera comunità di Bottecchio sul Po. Frank è un ballerino di liscio che ha avuto tante donne quante sono le mazurche che ha ballato, ma quelle che hanno segnato la sua carriera sentimentale sono tre: Ivana, il suo primo amore, Kristelle, una star del porno, e Barbara, musicista e cantante. La sera del compleanno del Sorriso, le tre donne si ritrovano sulla stessa pista mentre, poco distante, Vladimiro Emerenzin, poeta di paese, muore in strane circostanze. Tra le sue dita, un biglietto della festa alla quale non ha partecipato e una parola scritta a matita. Frank è chiamato a dare un senso a quell’ultimo messaggio e scopre che la vita è come il liscio: si balla in due e bisogna andare a tempo».

Di seguito la locandina dell’evento:

paola cereda_DEF

Share.

L'autore di questo articolo