ARCHIVIO – Jazz con il contrabbassista americano Joe Fonda in duo con Tito Mangialajo Rantzer e rock con At-asko e ViolaFuel. Al Libero due serate di live

0

LECCO – Un concerto con un duo di contrabbassi che potrà contare sulla presenza del musicista americano Joe Fonda, qui in dialogo con Tito Mangialajo Rantzer, e una serata rock con le bergamasche ViolaFuel e una formazione in arrivo da Barcellona: gli At-asko. Giovedì 14 e venerdì 15 novembre la musica dal vivo è protagonista al Circolo Libero Pensiero di Lecco. Due live diversissimi, ma accomunati dalla presenza in città di ospiti internazionali.

Innanzitutto, come detto, il jazz del giovedì sera: il 14 dalle 21.30, la rassegna Libero Jazz porta nel locale di via Calloni il musicista e compositore americano Joe Fonda e il milanese Tito Mangialajo Rantzer. Tra i più importanti musicisti di New York, Fonda è attivo da anni sulla scena jazzistica e della musica improvvisata e nel corso della sua carriera ha diviso il palco con artisti del calibro di Anthony Braxton, Archie Shepp, Ken McIntyre, Lou Donaldson, Leo Smith, Dave Douglas, Bill Dixon e Han Bennik. A esibirsi insieme lui in un interessante dialogo tra contrabbassi sarà il musicista milanese Tito Mangialajo Rantzer: un concerto basato su composizioni di Ornette Coleman, Thelonious Monk e Charlie Parker e che vedrà i due protagonisti suonare anche brani in solo. (Ingresso 6 euro, 3 per gli under30)

Tutt’altro genere, invece, venerdì sera alle 22, quando a esibirsi saranno gli At-asko con il loro punk-rock (direttamente da Barcellona) e le bergamasche ViolaFuel a suon di alternative rock. Gruppo punk con base a Barcellona e nato giusto un anno fa, grazie alle diverse provenienze dei suoi componenti gli At-asko rispecchiano l’anima internazionale della città catalana. Un mix di origini basche, sarde e lariane, rintracciabile anche nei testi che la band propone: brani in spagnolo a cui si aggiungono pezzi in altre lingue, tra cui l’italiano. Un gruppo che, come anticipano gli organizzatori, «fa della militanza politica uno dei principi fondamentali, tanto che i concerti e le attività gravitano intorno al mondo delle case occupate di Barcellona».

Formazione tutta al femminile, invece, quella delle ViolaFuel, band bergamasca nata nel 2013 per proporre un rock indie-alternative energico e diretto, «che coglie – spiegano dal Libero – sfumature cantautoriali e grunge e che non disdegna, però, aperture ‘catchy’». Un gruppo che propone brani inediti, in inglese e dalle tematiche introspettive e intimiste, seppur con una sottile vena ironica. (Ingresso alla serata 4 euro).

Share.

L'autore di questo articolo