ARCHIVIO – La Banda Osiris apre “Musica in scena”
Al Teatro della Società appuntamento con “Le dolenti note”

0

LECCO –  E se dei musicisti mettessero in ridicolo il loro stesso mestiere? Se l’ironia che da sempre contraddistingue una formazione consolidata e irriverente come la Banda Osiris divenisse arma pungente contro chi vive di musica? Ne uscirebbe uno spettacolo sicuramente divertente e dissacrante: quello stesso spettacolo che andrà in scena sul palco del Teatro della Società domenica 5 marzo, alle 16. Stiamo parlando de Le dolenti note, appuntamento che inaugura ufficialmente la nuova rassegna che il Comune di Lecco dedica alla musica, dal titolo Musica in scena.

banda osirisUn viaggio musical-teatrale che prenderà spunto dal libro Le dolenti note. Il mestiere del musicista: se lo conosci lo eviti, scritto dai quattro membri della Banda Osiris e pubblicato nel 2014, e che come una girandola senza sosta coinvolgerà il pubblico e lo divertirà con gag musicali, come è nello stile della nota formazione.

«Attraversando – così nella presentazione dello spettacolo – musica composta e scomposta, musica da camera e da balcone, Beatles e Čajkovskij», Sandro Berti, Gianluigi Carone, Roberto Carlone e Giancarlo Macri tratteggeranno un ritratto impietoso della figura del musicista, personaggio dalla carriera «ingloriosa, faticosa, pericolosa, spaventosa».

Con l’abilità mimica, strumentale e canora che da sempre li contraddistingue, i quattro si diletteranno nel dare consigli provocatori, dal perché sarebbe meglio evitare di diventare musicisti «a come dissuadere i bambini ad avvicinarsi alla musica, da quali siano gli strumenti musicali da non suonare a come eliminare i musicisti più insopportabili».

Un messaggio forte, questo, in cui si farà strada, però, anche un pizzico di speranza, una leggera nota agrodolce: se coltivata con rigore e passione, la musica può riempire la vita.

BIGLIETTI – Intero 12 euro, ridotto (fino ai 25 anni) 10 euro. Per info e biglietti online: www.comune.lecco.it. Qui l’articolo con tutti gli appuntamenti della rassegna.

Share.

L'autore di questo articolo