“Di Sana Pianta”: al Libero ARCHIVIO – Pensiero si ricordano i rastrellamenti nazifascisti in Erna

0

LECCO – Uno dei gruppi storici del rap italiano in concerto al Circolo Libero Pensiero di Lecco. Si tratta dei romani Assalti Frontali, che si esibiranno dal vivo nella serata di venerdì 16 (21.30) all’interno della rassegna Di Sana Pianta ideata dal circolo lecchese e dal Collettivo Venerdì sera sono (al) Libero. Un’iniziativa, questa, giunta alla seconda edizione e realizzata per ricordare la battaglia e i rastrellamenti nazifascisti in Erna del 18 ottobre 1943, quando i partigiani della formazione Carlo Pisacane, guidati dall’acquatese Gaetano Invernizzi, affrontarono le numericamente superiori forze naziste. L’episodio, avvenuto a poco più di un mese dall’annuncio dell’armistizio, è stato il primo scontro armato in Lombardia tra bande partigiane e soldati tedeschi e simboleggia l’inizio della resistenza al nazifascismo sul territorio lecchese.

ass1Non solo il concerto degli Assalti Frontali, aperto dai lecchesi NDP crew, Blan 1 e Noccioman, sarà nel programma di Di Sana Pianta. Prima delle esibizioni (alle 18) ci sarà infatti la presentazione dell’ultimo libro di Militant A, rapper e voce storica della formazione romana, che presenterà il suo Soli contro tutto – Romanzo non Autorizzato (2014, EIR edizioni).

Domenica 18, anniversario della battaglia, si salirà invece in Erna (ore 8.30 nel piazzale della funivia) per la commemorazione davanti alla targa realizzata dell’Anpi, per poi concludere la giornata con la Polentata Resistente presso il Circolo Cooperativo Libero Pensiero a partire dalle 20 (polenta taragna e salsiccia o alternativa vegetariana. Per info, menù e prenotazioni: 0341 493262).

ASSALTI FRONTALI – Il gruppo si forma a Radio Onda Rossa nel 1988, durante le trasmissioni hip-hop di Militant A e della sua posse chiamata poi Onda Rossa Posse. Sono del 1989, invece, i primi concerti nei centri sociali a Roma, che subito li portano ad esibirsi in tutta Italia, mentre l’anno successivo è quello della svolta. È il 1990 e in Italia si diffonde nelle università della penisola il movimento della Pantera. Proprio un pezzo di quelli che dal ’91 si chiameranno Assalti Frontali (allora ancora Onda Rossa Posse), Batti il tuo tempo, diventa un inno generazionale, cantato durante manifestazioni e occupazioni. Negli anni Novanta la formazione prende la fisionomia di un gruppo aperto e al suo interno vede personalità come Castro X, NCOT, 00199, Susi, Brutopop, Ice One, Lou X, Valerio AKA Guerra, SanSante, Sioux, Penni, LaTLaO, oltre alla presenza costante di Militant A, per garantire la continuità e la coerenza del progetto. Sono questi gli anni dei dischi diventati punti di riferimento del rap e dell’hip hop politico italiano, come Terra di nessuno, Conflitto, Banditi, e dei concerti in tutti i luoghi occupati del paese. Nel 1993 partecipano anche alla colonna sonora di Sud di Gabriele Salvatores, per cui scrivono la canzone che apre il film. Gli anni 2000 continuano a essere anni di produzioni artistiche e collaborazioni, che portano alla realizzazione nel 2004 di HSL – Hic Sunt Leones, suonato dai Brutopop e mixato in Euskadi nello studio di Kaki Arkarazu e che conquista per tre mesi il primo posto della classifica indie di Musica e Dischi. Il 2006 è poi l’anno che vede un cambiamento nella struttura del gruppo: al fianco di Militant A entrano, infatti, Pol G e Glasnost e alla musica entra il giovane produttore e compositore Bonnot. Insieme realizzano il disco Mi sa che stanotte…, vincitore del Premio Italiano per la Musica Indipendente come miglior album. Infine gli ultimi due album, Un’intesa perfetta (2008) e Profondo Rosso (2011).

L’ingresso al concerto costa 7 euro.

Share.

L'autore di questo articolo