ARCHIVIO – Lecco: al Libero Pensiero arriva il blues della Nico’ZZ Band

0

nico zzLECCO – Buone notizie per gli amanti del blues a Lecco: dopo il rischio di annullamento causa lamentele del vicinato del Circolo Arci La Ferriera, il concerto del gruppo francese Nico’ZZ Band alla fine si terrà, anche se in un locale diverso. L’appuntamento con una delle chitarre più interessanti del panorama blues europeo come Nico Zdankiewicz, inizialmente in programma alla Ferriera, si sposta, infatti, al Circolo Libero Pensiero e sarà aperto dal trio blues Old times’ boys.

Una nuova location, quindi, per un live che rappresenta il secondo appuntamento con la rassegna Ferriera in blues, come anticipato a rischio annullamento proprio a causa dei problemi che il circolo di San Giovanni ha avuto con una parte del suo vicinato. Invariate, comunque, data e ora: il concerto si terrà, infatti, giovedì 10 dicembre alle 21.30.

Un ottimo esempio, questo, di come si possa fare rete tra locali lecchesi, mettendo da parte la vera o presunta concorrenza per far crescere il livello di offerta musicale di tutta la città. Il Libero Pensiero, dimostrando di sposare in pieno questa filosofia, ha infatti spostato il suo tradizionale appuntamento con Libero Jazz per fare spazio a un ospite internazionale. «Perché Lecco – questo il commento dei due circoli – è una città viva, vieni anche tu, partecipa, e non andare in giro a dire che non c’è mai niente da fare in questa città!».

nico zz1NICO ZDANKIEWICZ – Il musicista è uno dei nuovi talenti chitarristici del circuito di r&b francese, europeo e americano. Con uno stile che si presenta come un mix di blues, soul, funk e rock, il chitarrista ha calcato insieme alla sua band diversi palchi europei e statunitensi, aprendo i concerti di numerosi artisti di fama internazionale come Gregg Wright, Paul Cox, Boney Fields, Mofo Party Band, Walldo Weathers (ex sassofonista di James Brown) e il grande Donald Kinsey. Cinque, infine, gli album registrati dal musicista francese.

INFORMAZIONI - Biglietti 5 euro.

Share.

L'autore di questo articolo