ARCHIVIO – Si apre con Anthus il Lecco Jazz Festival: in programma un concerto tra jazz contemporaneo e sonorità del Mediterraneo

0

AVVISO – A causa delle incerte condizioni meteo il concerto si terrà all’Auditorium Casa dell’Economia di via Tonale, a Lecco.

LECCO – Cantante, arrangiatore e compositore siciliano, tra le voci maschili jazz più apprezzate in Spagna. Si apre così, con Anthus e un concerto tra jazz contemporaneo e sonorità del Mediterraneo, la quarta edizione del Lecco Jazz Festival, la rassegna promossa dal Comune di Lecco, in programma sul palco di piazza Garibaldi a Lecco e che potrà contare sulla presenza, quest’anno, anche di Paolo Fresu, atteso per il 28 luglio. Un festival che si compone, per questa edizione, di quattro appuntamenti a ingresso libero e di una serie di eventi collaterali, come sempre tutti dedicati alla grande musica jazz.

In programma per martedì 2 luglio alle 21, in particolare, l’esibizione proprio del cantante e compositore nato in Sicilia, formatosi in Irlanda e poi affermatosi in particolare in Spagna: un artista che la critica internazionale ha descritto come il crooner del jazz mediterraneo, interprete di un meticciato musicale che unisce, come anticipato, il jazz contemporaneo ad atmosfere tipiche delle terre che affacciano sul Mare Nostrum.

Accompagnato a Lecco da quattro musicisti, Anthus ha alle spalle tre dischi tra cui l’ultimo, Calidoscòpic, opera che è la più autobiografica: un album caratterizzato da un spiccato eclettismo creativo, fatto di melodie personali e originali e definito dai media spagnoli come «il disco più originale del jazz nazionale degli ultimi anni». Un lavoro, ancora, che ha ricevuto la nomination come Miglior disco dell’anno ai “Premi Enderrock” di Spagna e che «si compone – come spiegano dal Comune di Lecco – di dieci canzoni che svelano l’artista in tutte le sue sfaccettature, mostrando una personalità eclettica, poliedrica, marcata da una forte vocazione innovatrice».

Ma, accanto ad Anthus, il Lecco Jazz Festival ha in cartellone anche altri concerti da non perdere: oltre a Fresu  – sul palco accompagnato da Daniele di Bonaventura al bandoneón e da Jacques Morelenbaum al violoncello – sono attesi in città anche la giovane bassista polacca Kinga Glyk (il 12 luglio) e il cantante londinese di origine afro-caraibiche Randolph Matthews (il 19 luglio).

Share.

L'autore di questo articolo