ARCHIVIO – Sinfonica: LaVerdi Barocca chiude il 2014 con il “Messiah” di Händel

0

LECCO – Forse la composizione più famosa di Friedrich Händel, un’opera scritta in poco più di tre settimane nel periodo in cui il compositore tedesco naturalizzato inglese viveva il suo momento di maggior fama. Si tratta del Messiah, protagonista dell’ultimo appuntamento del 2014 con il Teatro della Società e con la Stagione Sinfonica. In attesa del 2015, il maggiore teatro lecchese porta sul palco, infatti, l’Ensemble Vocale e l’orchestra LaVerdi Barocca di Milano, per un concerto che nella serata di sabato 20 dicembre, a partire dalle 20.30, proporrà al pubblico il noto oratorio in tre parti per soli, coro e orchestra. Un appuntamento da non perdere, che vedrà tornare sul podio da direttore Ruben Jais.

ruben jais«Nell’estate del 1741 – spiegano dal Comune di Lecco – Händel compose il Messiah in non più di tre settimane, chiudendosi nel suo elegante appartamento al numero 25 di Brook Street, a Londra. Qualcuno disse che tale fulminea velocità di scrittura poteva solo essere di natura divina. In realtà Händel, come tutti i compositori professionisti, era sempre stato molto rapido nella scrittura, stretto dai numerosi impegni professionali».

Era l’agosto del 1741, quindi, quando il librettista nonché studioso di Shakespeare Charles Jennens decise di inviare a Händel un testo basato sulla figura del Messia, da lui immaginato come il proseguimento di Israel in Egypt, del ’38. Il testo parve entusiasmare sin da subito il compositore, che nel giro di qualche settimana portò a termine la stesura del suo famosissimo oratorio sacro. Una composizione in lingua inglese di cui LaVerdi Barocca eseguirà la versione originale, quella presentata per la prima volta nel 1742, a Dublino.

Ma perché la scelta attuata da Händel di passare dall’opera in italiano all’oratorio in inglese? «Perché il pubblico britannico – spiega il direttore Ruben Jais nella sua presentazione del concerto – voleva riappropriarsi del teatro e aveva cambiato il proprio gusto. Ecco perché dall’inizio degli anni Trenta del Settecento Händel si dedica alla stesura di oratori in lingua inglese, di cui il Messiah è il sesto. Una composizione – conclude – che celebra la figura di Cristo e che si compone di tre parti, rispettivamente dedicate alla natività, alla passione e alla riflessione sul giudizio universale».

Friedrich Händel

Messiah

Oratorio in tre parti per soli, coro e orchestra

Soprano: Giulia Semenzato – Alto: Filippo Mineccia – Tenore: Anicio Zorzi Giustiniani -Basso: Marco Granata

Ensemble vocale laVerdi Barocca

Maestro: Gianluca Capuano

Orchestra laVerdi Barocca

Direttore: Ruben Jais

BIGLIETTI - Platea – Palchi 21 euro (ridotto 18), 1^ – 2^ Galleria 13 euro (ridotto 11), Ingresso Palco 11 euro. Biglietteria: mercoledì dalle 10 alle 14 e il giorno del concerto dalle 20. Online sul sito www.comune.lecco.it

Di seguito il calendario della Stagione Sinfonica:

locandina 2014 STAGIONE SINFONICA VERDE

 

Share.

L'autore di questo articolo