Al Palladium CinEtica: quattro film sul tema del fine vita

0

LECCO – Una nuova rassegna per il Cine Teatro Palladium di Lecco. Terminato il ricco calendario del cineforum, che da ottobre ad aprile ha proposto 25 pellicole di qualità, la sala lecchese torna ad animarsi con una mini kermesse, promossa dall’associazione Acmt (Associazione per la Cura dei Malati in trattamento palliativo) e allestita con la collaborazione dell’Associazione Fabio Sassi. Si tratta di CinEtica 2015, quattro nuovi titoli e un fil rouge di fondo, il tema del fine vita. Tematiche quali l’atteggiamento della società nei confronti della malattia e della morte, il diritto di autodeterminazione del malato, le cure palliative, «spesso – anticipano gli organizzatori – trattate con superficialità o affrontate con giudizi troppo schematici. Il cinema, coinvolgendo direttamente lo spettatore all’interno di situazioni complesse, disegna rappresentazioni sociali e vissuti individuali emotivamente ricchi, presenta alternative comportamentali in merito alle quali occorre prendere posizione nella vita reale e rappresenta un valido strumento di approfondimento». Alabama Monroe. Una storia d’amore, Amour, Still Alice e La tela di Carlotta: queste le pellicole, tutte in programma per questo mese di maggio, di mercoledì in mercoledì e dalle 21.

Alabama Monroe – Una storia d’amore

Alabama Monroe – Una storia d’amore

Si parte, quindi, il 6 maggio con il primo film in calendario, film del 2012 diretto da Felix Van Groeningen. Alabama Monroe è la storia di Elise e Didier, lei amante dei tatuaggi e suonatrice di banjo, lui romantico e appassionato di musica bluegrass, di country. Una passione e un’intesa che li porta a esibirsi e ad avere una figlia, Maybelle. Poi la tragedia e l’inizio di una fase difficile, fatta di litigi, allontanamenti, recriminazioni, sino al triste epilogo, in cui uno dei due dovrà prendere una difficile decisione…

Amour

Amour

Secondo appuntamento, poi, quello con Amour (il 13 maggio), film drammatico francese diretto da Michael Haneke e vincitore, nel 2013, dell’Oscar come miglior film straniero. Protagonisti, qui, sono Georges e Anne, una coppia di ottantenni insegnanti di musica che vive una vita serena e tranquilla, tra concerti e letture. Questo sino a quando uno dei due viene improvvisamente colpito da un ictus, evento che cambierà drasticamente il corso delle loro vite. Un’inesorabile degenerazione, che porterà l’altro coniuge a una decisione irreversibile…

Still Alice

Still Alice

Non poteva mancare, in una rassegna come questa, il film che è valso l’oscar come migliore attrice a Julianne Moore. Si tratta di Still Alice (qui la recensione), pellicola di Richard Glatzer in programma per il 20 di maggio. Al centro della vicenda Alice Howland, felicemente sposata e con tre figli adulti. Nota professoressa di lingue, Alice inizia a dimenticare le parole e la diagnosi è devastante: si tratta di una forma presenile di Alzheimer.

La tela di Carlotta

La tela di Carlotta

Infine, chiude il calendario La tela di Carlotta di Gary Winick (il 27 maggio). Natale si sta avvicinando e per Wilbur, un maialino della fattoria dei Zuckerman, potrebbe non essere un gran giorno: si avvicina il momento in cui verrà servito a tavola. Grazie all’aiuto di Carlotta, un ragno che vive nel suo recinto, Wilbur cercherà di organizzare un piano per scongiurare quest’epilogo.

La proiezione dei film sarà preceduta da un’introduzione da parte di esperti volta a fornire chiavi di lettura e spunti di riflessione. L’ingresso è libero.

Share.

L'autore di questo articolo