ARCHIVIO – A Mandello Columbro e De Laurentiis in “Alla stessa ora il prossimo anno”

0

MANDELLO DEL LARIO – Gli amanti sono e saranno sempre amanti? Oppure, pur restandolo, divengono come marito e moglie? Qual è il rapporto “giusto”? Quello ufficiale, sancito da matrimonio, o quello che costringe gli amanti, nonostante i sensi di colpa, a incontrarsi Alla stessa ora il prossimo anno? Le carte si mescolano nella commedia scritta dal canadese Bernard Slade, testo portato in scena a Broadway nel 1975 con il titolo originale di Same Time, Next Year. E Marco Columbro e Gaia De Laurentiis ce ne propongono un adattamento per la regia di Giovanni De Feudis: un testo che a distanza di quarant’anni precisi continua a divertire.

locandina columbro  e de laurentiisL’appuntamento, come vi avevamo annunciato lo scorso novembre, è per sabato 28 febbraio, quando a partire dalle 21 il Teatro comunale Fabrizio De André accoglierà sul palco i due noti volti televisivi. Columbro e De Laurentiis vestono, infatti, i panni di George e Doris, protagonisti della commedia di Slade. Entrambi fuori casa, lui per lavoro e lei per un ritiro spirituale, i protagonisti della pièce si conoscono in un ristorante. È lui, George, a notare per primo Doris: una bistecca offerta ed ecco l’inizio di una relazione prima impensabile. «Entrambi sposati con figli – si legge nella presentazione dello spettacolo, produzione Enzo Sanny – Entrambi benpensanti. La mattina dopo si ritrovano oppressi da un devastante senso di colpa. Tanto devastante che decidono di rivedersi. Il prossimo anno, lo stesso giorno, alla stessa ora, stesso motel, stessa camera. E poi l’anno dopo, e poi l’anno dopo ancora…».

Una storia di un tradimento che anno dopo anno diventerà una relazione profonda, stabile, leale, come un matrimonio.

BIGLIETTI – Ingresso 10 euro (ridotto 5 euro: fino ai 25 anni e da 65 in su). Prevendita da lunedì 23 a venerdì 27 febbraio dalle 10 alle 13, presso la Struttura 1 di via Manzoni 44/3 e la sera dello spettacolo a partire dalle 20, presso il teatro.

Share.

L'autore di questo articolo