ARCHIVIO – Stagione di Prosa del Comune di Lecco: Jurij Ferrini dirige e interpreta “I due gemelli”, adattamento di Goldoni firmato da Natalino Balasso

0

LECCO – C’è il testo di partenza, I due gemelli veneziani, commedia in tre atti scritta da Carlo Goldoni e portata per la prima volta in scena nel 1747. C’è il suo libero adattamento firmato dall’attore e scrittore Natalino Balasso, che qui sceglie di ambientare la scena negli anni Settanta. C’è, infine, un regista e attore italiano sempre bravo come Jurij Ferrini (qui una nostra passata intervista), pronto a dirigere la pièce e insieme a dare volto a Zanetto e Tonino, i gemelli protagonisti della commedia. Dopo l’inaugurazione, lo scorso 6 novembre, della rassegna “Arancio”, parte anche la prosa “Blu” del Comune di Lecco: in programma per martedì 19 novembre al Cineteatro Palladium, infatti, I due gemelli, primo dei cinque spettacoli che compongono questo secondo calendario di prosa.

Produzione Progetto Unità di Ricerca Teatrale, I due gemelli è un’attualizzazione della vicenda goldoniana: un’ambientazione certamente inaspettata, quella degli anni di piombo, che l’autore Balasso spiega sottolineando come nei giovani di quel periodo vi fosse una curiosa gemellarità: «i movimenti di protesta, gli studenti, i giovani operai si erano polarizzati su due fronti opposti, comunisti e fascisti, rossi e neri».

© Luigi Cerati

E così, la storia dei gemelli Zanetto e Tonino, identici e da anni lontani, si intreccia ora in una contemporaneità che ci interroga, aprendo una riflessione su temi quali l’apparenza, il virtuale, la manipolazione. Intatta la struttura della commedia: lo scambio tra i gemelli che si incontrano a Verona dopo molto tempo, l’incalzare degli equivoci, la comicità dell’intreccio restano, ma «il tutto – spiega lo stesso Ferrini – viene perfezionato e ripensato per una società libera, in emancipazione come quella degli anni Settanta. In tal senso i personaggi diventano più complessi, più sviluppati, lontani dalla maschera stereotipica della commedia dell’arte, da cui l’autore veneziano già tentava di prendere le distanze. Proprio grazie a questo spostamento si può godere e comprendere a pieno l’ironia più profonda di Goldoni, esaltata – conclude il regista – dallo stile sarcastico e pungente di Natalino Balasso».

INFORMAZIONI E BIGLIETTI – Abbonamenti Prosa Arancio o Prosa Blu: prima platea 88 euro (72 euro ridotto), seconda platea 72 euro (52 euro ridotto). Abbonamenti 10 spettacoli Prosa Arancio + Prosa Blu: prima platea 154 euro (126 euro ridotto), seconda platea 126 euro (91 euro ridotto). Biglietti: prima platea 22 euro (18 euro ridotto), seconda platea 18 euro (13 euro ridotto). Abbonamenti e biglietti sono acquistabili cliccando qui.

Share.

L'autore di questo articolo