Un mese di incontri, conferenze, letture e laboratori:
torna “Lecco Città dei Promessi Sposi”

0

LECCO – Un mese di incontri, conferenze, seminari, letture teatrali e laboratori per una rassegna che, come ogni anno, ha per protagonista Alessandro Manzoni. Stiamo parlando di Lecco Città dei Promessi Sposi 2018, la maggiore manifestazione italiana dedicata proprio allo scrittore milanese e che dal 12 ottobre al 10 di novembre 2018 porta a Lecco numerosi appuntamenti, alcuni dei quali da non perdere. Intitolata quest’anno Storie di viaggi e di speranze, la rassegna si pone come sempre l’obiettivo di valorizzare il pensiero e l’opera di Alessandro Manzoni e insieme promuovere il patrimonio culturale manzoniano in città. Un’iniziativa che, anche per questa edizione, rinnova la collaborazione con la Fondazione Treccani Cultura di Roma, con il Centro Nazionale di Studi Manzoniani di Milano e con importanti università italiane, alle quali si aggiungono la Wieimar-Jena Akademie e il Centro di Cultura italo-tedesco Villa Vigoni di Menaggio.

Silvia Morgana

Diversi e variegati, come anticipato, gli eventi in programma, a cominciare dal convegno che inaugurerà l’intera manifestazione e fissato per venerdì 12 ottobre alle 10 (nell’Aula Magna del Politecnico): il Festival della lingua italiana. Curata da Treccani Cultura, la giornata sarà caratterizzata dalle lectio magistralis di Silvia Morgana (professoressa di Storia della Lingua Italiana, Università degli Studi di Milano) e Anna Ottani Cavina (professoressa di Storia dell’Arte moderna, Università di Bologna) e si concluderà nel pomeriggio con un seminario rivolto agli insegnanti (vedi sotto per i dettagli sul Festival).

Gianmarco Gaspari

E poi, nelle settimane a seguire, una lunga carrellata fatta di 27 eventi, tra cui segnaliamo la cerimonia di consegna del Premio al Romanzo Storico A. Manzoni – Città di Lecco e il conferimento di quello alla carriera (che saranno assegnati rispettivamente il 13 ottobre e il 10 novembre), gli aperitivi letterari della Locanda Manzoni (format in programma a Villa Manzoni e che, di volta in volta, vedrà scrittori, artisti e studiosi dialogare tra loro sulle principali tematiche scelte come filo conduttore della rassegna), i percorsi e le letture teatrali a cura di Teatro Invito e il Workshop Weimar-Lecco/Goethe-Manzoni: la costruzione dell’identità europea. Scambi, relazioni, viaggi dal Neoclassicismo alla frammentazione globale con la partecipazione, tra gli altri, di Thomas Ritschel (Weimar-Jena Akademie), Gianmarco Gaspari (Università degli Studi dell’Insubria) e Giovanni Meda Riquier (Fondazione Villa Vigoni, Menaggio).

Clicca qui per il programma dettagliato dell’intera rassegna.

Share.

L'autore di questo articolo