Hackathon@Badoni: all’Istituto Badoni la maratona di coding sostenuta da Softeam. Ecco i vincitori

0

LECCO – C’è un’applicazione capace di individuare il tragitto migliore da compiere in base alle previsioni meteo. Ce n’è un’altra in grado di calcolare la probabilità di trovare funghi in una determinata area geografica. E ancora, per citarne un’ultima, l’app che consente all’utente di indicare le previsioni meteo desiderate e che, in base a queste, suggerisce i luoghi in cui si verificano. A progettarle sono stati 85 ragazzi e ragazze delle classi 3°, 4° e 5° dell’Indirizzo Tecnico Informatica e Telecomunicazioni e del Liceo Scientifico delle Scienze Applicate del Badoni di Lecco in occasione della seconda edizione di Hackathon@Badoni. Una competizione, quest’ultima, che venerdì 22 e sabato 23 marzo ha visto ben 17 squadre cimentarsi in una maratona di coding della durata di 24 ore: una gara di programmazione, in sintesi, promossa dall’Istituto tecnico Badoni di Lecco e sponsorizzata da Softeam Spa di Lecco. In palio 2 mila euro per i vincitori e, premio speciale destinato al progetto maggiormente realizzabile, uno stage presso Softeam, così da completare il lavoro iniziato durante la gara.

Tema di questa seconda edizione della competizione è stato quello di sviluppare, come sempre in una sola notte, un’applicazione in grado di sfruttare i maniera innovativa i dati relativi alle previsioni atmosferiche. Una gara in cui le diverse squadre «hanno dimostrato – come spiegano da Softeam – di essere molto preparate e agguerrite», tanto che per la giuria composta da docenti dell’IIS. A. Badoni e da membri dell’azienda lecchese non è stato possibile individuare un unico vincitore assoluto: tra i dieci progetti arrivati alla fase finale, ben quattro hanno infatti ricevuto premi e menzioni speciali.

I PREMI – Il primo premio è stato conferito in ex-aequo a:

TEAM 42 con il progetto METEORA – di Stefano Andreotti, Francesco Gritti (3CTL), Gabriele Spagnolo, Samuele Bonfanti, Emanuele Valsecchi delle classi 3C Telecomunicazioni e 5B Informatica: la squadra ha sviluppato una applicazione Android e una applicazione IOS in grado di individuare il tragitto migliore in base alle previsioni meteo e offrire informazioni statistiche analizzando i dati meteo degli ultimi 10 anni.

ASSE ROMA-ZAGABRIA-PECHINO con il progetto 4CAST – di Matteo Rota, Mattia Anghileri, Simone Denti, Ivan Crivicih, Simone       Lin Chang Hui della classe 5B Informatica: grazie a un algoritmo, l’applicazione progettata calcola la probabilità di trovare funghi in una determinata area geografica.

Il Premio creatività è andato a BRAINHACK con il progetto WEATHER MOOD – di Marco Rocchi, Riccardo Dell’oro, Fatima Zahara Faouzi, Omar Larosa, Marco Sbroggiò della 5 A Informatica: la squadra ha lavorato su una curiosa funzionalità denominata METEO AL CONTRARIO. Come suggerisce il nome, l’utente può indicare le previsioni meteo che vorrebbe e l’applicazione suggerisce i luoghi dove queste effettivamente si verificano.

Il Premio innovazione è andato a MILLENIUM BUG con il progetto METEO BUSINESS – di Matteo Rusconi, Debora Zecchini, Luca Brenna, Marco Andreotti, Alessandro Xu delle classi delle classi 3, 4 e 5 Telecomunicazioni e del Liceo Scientifico delle Scienze Applicate. Si tratta dell’unico progetto dedicato al mondo delle imprese che trattano e trasportano alimenti facilmente deperibili: l’applicazione è in grado di monitorare e segnalare anomalie e malfunzionamenti all’interno delle celle frigorifere grazie ad un collegamento con Arduino, la famosa piattaforma hardware composta da schede elettroniche dotate di microcontrollori.

Hanno ottenuto la possibilità di completare il progetto con uno stage in Softeam: SUNSET CORPORATION con il progetto GIRASOLE – di Mattia Angilletti, Francesco De Paoli, Nicolò Redaelli, Raul Tudosa, Gaia Iori, Martina Tavola delle classi 4B e 5B Informatica. Si tratta di un’applicazione dedicata agli appassionati di giardinaggio, anche alle prime armi: consiglia le tipologie di piante più adatte, i metodi per la cura e in cui gli appassionati possono condividere tra loro i propri successi grazie ad un giardino virtuale.

Share.

L'autore di questo articolo