ARCHIVIO – Libere Matite! Anche Lecco scende in piazza per la libertà d’espressione

0

LECCO – Libere Matite! Un gesto semplice per ribadire, tutti insieme, la solidarietà alle vittime dell’attentato alla redazione di Charlie Hebdo e per difendere la libertà di opinione e di espressione. Mentre le maggiori piazze d’Europa si animano di manifestanti dotati di matite, simbolo pacifico contro la fredda brutalità e violenza degli assassini, anche Lecco scende in piazza e lo fa in modo spontaneo, senza una precisa organizzazione.

È fissata per sabato 10 gennaio alle 17.30, nella centrale piazza Garibaldi, Libere Matite!, una manifestazione in difesa della Libertà che vedrà partecipare, tra gli altri, anche numerosi esponenti delle istituzioni, del mondo del giornalismo e della cultura, che proprio in queste ore stanno aderendo all’iniziativa.

A citizen holds a pen in front of the Notre Dame Cathedral in Paris during a minute of silence for victims of the shooting at the Paris offices of weekly satirical newspaper Charlie Hebdo on Wednesday«Tutta l’Europa – si legge nel comunicato di presentazione della manifestazione – sta scendendo in piazza per difendere la libertà di opinione, di pensiero, di espressione, di stampa. La Libertà. Berlino, Bruxelles, Vienna abbracciano Parigi e la Francia con decisione. Anche l’Italia risponde e Lecco vuole essere presente: un’iniziativa spontanea, nata dalla cittadinanza, è organizzata per Sabato 10 gennaio alle ore 17.30, in piazza Garibaldi.

Libere matite! Vogliamo difendere la libertà, ribadirla, viverla tramite le parole di chi ne ha fatto un valore per il quale esporsi con coraggio: leggeremo brani di Voltaire, Giordano Bruno, John Milton, Charles Darwin, Cesare Beccaria e tutte le voci che i partecipanti vorranno evocare.  Invitiamo tutti a partecipare: giornalisti, vignettisti, artisti, uomini e donne di cultura, cittadini liberi!».

libere matite

Per informazioni qui la pagina facebook dell’evento: www.facebook.com/events/767591839982191/?ref_newsfeed_story_type=regular

Share.

L'autore di questo articolo