ARCHIVIO – La poesia di Antonia Pozzi e le fotografie di Francesca Della Toffola. Un dialogo in mostra alla Galleria Melesi

0

antonia pozziLECCO – È l’incontro simbolico tra due donne, entrambe artiste. La poesia di Antonia Pozzi si fa fonte di ispirazione per le opere di Francesca Della Toffola, fotografa veneta che dai suoi scatti lascia emergere sensazioni intime della poetessa milanese amante delle nostre montagne. Si inaugura sabato 31 gennaio alle 18.30, alla presenza dell’artista, la mostra Come una cosa della terra, l’esposizione allestita presso la Galleria Melesi di Lecco e che sino al 28 di febbraio proporrà un percorso alla scoperta della sensibilità, dell’intima creazione artistica, del rapporto con la natura di Antonia Pozzi e, come detto, Francesca della Toffola.

Un dialogo interessante e illuminante tra la più raffinata ed emozionante arte della parola, la poesia, e il medium fotografico: venti scatti di formato circolare – allegoria della terra, della femminilità e della maternità – firmati da Della Toffola (e con il suo corpo come soggetto), accompagnati da un leporello con circa una quindicina di illustrazioni a colori, stralci delle poesie della Pozzi che hanno ispirato la fotografa e un testo critico della storica dell’arte Simona Bartolena.

della toffola1Un dialogo, dicevamo, che a partire da temi come la terra e la natura traccia un parallelismo tra le due forme d’arte, tra l’opera della giovane poetessa dall’animo tormentato, cresciuta in un ambiente milanese colto e raffinato e appassionata lettrice, e la fotografa nata a Montebelluna, in provincia di Treviso. «L’amore per la natura – spiega la stessa Francesca Della Toffola – per le creature dei boschi, dei laghi, del verde, del vento, della terra. Questo è ciò che lega le nostre anime. Le immagini, la mia persona, non è un caso la scelta dell’autoritratto (autoscatto), viene attraversata dalle sensazioni più intime di Antonia Pozzi. Le sue parole, le mie immagini in un connubio con al centro la terra che ci rende universali: esseri del mondo e nel mondo che abbracciano la terra, che desiderano tornare alla terra per ritrovare le proprie radici».

della toffola2E così ecco in mostra una serie di immagini realizzate prima di aver conosciuto l’opera della Pozzi ma pur sempre straordinariamente affini al messaggio della poetessa, seguite, poi, da fotografie consapevolmente ispirate all’inquietudine che ne ha caratterizzato la vita. Un omaggio, quindi, a una donna dalla rara intelligenza e delicata fragilità.

INFORMAZIONI TECNICHE

Dal 31 gennaio al 28 febbraio 2015. Inaugurazione sabato 31 gennaio alle 18.30 alla presenza dell’artista. Durante l’inaugurazione è prevista la lettura di poesie di Antonia Pozzi a cura di Pieranna Rusconi.

Orario: da martedì a sabato dalle 16 alle 19, in alternativa su appuntamento.

 

Share.

L'autore di questo articolo