Quando l’arte ricrea la natura. Al Must di Vimercate c’è “Innaturalismi”

0

kazumasa, Un sorriso della primavera.VIMERCATE – L’artificio che ricrea la natura. Diciotto artisti, alcuni di fama internazionale come Giacomo Balla e altri emergenti e legati al territorio, indagano il rapporto tra Natura e Artificio attraverso lo sguardo dell’arte contemporanea. Si tratta della nuova mostra nata dalla collaborazione tra Must e Associazione Heart – Pulsazioni culturali: un percorso dal titolo Innaturalismi. Quando l’arte ricrea la natura, allestito all’interno del Museo del Territorio di Vimercate e visitabile dal 14 maggio (inaugurazione alle 18.30) al 26 giugno 2016. Una nuova mostra a cura della critica d’arte Simona Bartolena e che intende fare luce su un fenomeno antichissimo: il desiderio di riprodurre, pur con mezzi sempre diversi, ciò che ci circonda.

PETRUCCI DETTAGLIO«Fin dalle origini – commenta, infatti, la curatrice – l’esperienza artistica si è posta anche come mimesi del vero. Il desiderio di rappresentare la realtà circostante ha portato gli artisti di tutti i tempi a confrontarsi con la natura in modo diretto, talvolta caricandola di motivi simbolici, talaltra tentando di ritrarla nella sua verità più tangibile e oggettiva, catturando la qualità tattile di un petalo o rubando il profumo di un giorno di pioggia. La contrapposizione tra naturale e artificiale è trattata nel linguaggio artistico con consapevolezza crescente: da una parte l’irresistibile attrazione per l’artificio, dall’altra il timore per la possibilità che esso finisca con il prevalere sulla natura, fino a sostituirsi a essa».

ANIMA ARBORIS 4E così ecco una mostra che, con un approccio che gli organizzatori definiscono a tratti leggero e ironico, intende indagare come gli artisti abbiano provato e provino tuttora a ricreare la natura: contorni ridefiniti, forme riplasmate, specie inventate animano gli spazi del Must e suggeriscono una nuova percezione dell’elemento naturale. «I toni, le intenzioni, i linguaggi – aggiungono i promotori – sono assai diversi: giocosi, irriverenti, poetici, squisitamente pop, fiabeschi o surreali, ma tutti visionari e immaginifici». In mostra, nello specifico, opere di Nobuyoshi Araki, Giacomo Balla, Bot, Alessandra Brustolon Zorzi, Alik Cavaliere, Elisa Cella, Silvia Cibaldi, Giuliano Gaigher, Piero Gilardi, Kazumasa Mizokami, Giorgio Laveri, Daniele Misani, Renzo Nucara, Cristiano Petrucci, Laura Santini, Silvia Serenari, Manuela Toselli, Anna Turina.

INFORMAZIONI – Dal 14 maggio al 26 giugno 2016 (inaugurazione il 14 maggio alle 18.30), Must di Vimercate. Orari: mercoledì e giovedì dalle 10 alle 13 venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Ingresso 5 euro, 3 ridotto. Info: www.museomust.it.

In programma anche una serie di eventi collaterali:

-          Sabato 21 maggio alle 15 e martedì 31 maggio alle 14.30: INNATURALISMI. VISITA ALLA MOSTRA | con la curatrice Simona Bartolena (costo 6 euro. Info e prenotazioni tel. 039 6659 488)

-          Martedì 14 giungo alle 21: CONFERENZA NATURALE VS ARTIFICIALE: un’indagine sull’essenza dell’opera d’arte. Relatrice sarà Alessandra Galbusera (presso lo Spazio Heart, via Manin 2, Vimercate. Ingresso con donazione)

-          Domenica 15 maggio alle 15.30: LABORATORIO DIDATTICO DALLA DISCARICA NASCONO I FIORI, per bambini da 5 a 11 anni. Utilizzando diversi tipi di materiale riciclato si imparerà a realizzare fiori grandi, piccoli, realistici o inventati. (Costo 7 euro. Info e prenotazioni tel. 039 6659488).

-          Domenica 5 giugno alle 15.30: COME I CERCHI DEGLI ALBERI, per bambini da 5 a 11 anni. Partendo dall’opera pittorica della Serenari, si trasformeranno i cerchi degli alberi con acrilici e tempere. (Costo 7 euro, prenotazioni tel. 039 6659488).

-          Venerdì 10 giugno dalle 18 alle 20: DALLA DISCARICA NASCONO I FIORI per gli adulti. Un laboratorio tipicamente destinato al pubblico dei più piccoli, proposto agli adulti per stimolarli a guardare le cose da punti di vista inusuali e scoprire la creatività. (Costo 13 euro, incluso aperitivo di benvenuto. Info e prenotazioni 039 6659488).

Share.

L'autore di questo articolo