ARCHIVIO – Una domenica nelle ville della Brianza: domenica torna “Ville Aperte”

0

LECCO – Domenica 28 settembre le ville, i parchi, i giardini e numerosi edifici di interesse storico-artistico della Brianza aprono le loro porte e si animano con una serie di attività diverse, dalle visite guidate alle mostre, passando per spettacoli e concerti. Si tratta della dodicesima edizione di Ville aperte in Brianza, l’iniziativa lanciata una dozzina di anni fa dalla provincia di Monza Brianza e che progressivamente ha raccolto l’adesione anche di sempre più numerosi comuni della provincia lecchese e, novità più recente, di alcuni della Brianza comasca. Una grande occasione, quindi, per riscoprire le bellezze del territorio brianzolo, tanto ricco di ville patrizie, dimore storiche, parchi suggestivi, che per la giornata di domenica saranno chiamati a ospitare appuntamenti culturali diversi e per tutti i gusti.

Vista da Villa Bertarelli, Galbiate

Vista da Villa Bertarelli, Galbiate

I LUOGHI LECCHESI CHE ADERISCONO ALL’INIZIATIVA - Davvero ricco il programma che coinvolgerà il lecchese. Aperti in occasione della giornata, infatti, siti di interesse storico-artistico quali la casa Paladini Galliani, la Villa Nava Conti della Porta e la Canonica si San Salvatore di Barzanò, dove alle visite guidate si affiancherà una mostra di sculture. Cassago Brianza apre le porte, invece, del Mausoleo Visconti di Modrone, della Cittadella Agostiniana e della sala del Pellegrino, inaugurata all’inizio di settembre e ricavata nei ruderi di quella che fu la villa dei Pirovano-Visconti di Modrone. La settecentesca Villa Besana, con il suo giardino di 8 ettari e il suo albero più alto d’Italia, sarà protagonista a Sirtori, mentre a Galbiate non può che toccare a Villa Bertarelli accogliere i visitatori. Appuntamento, poi, anche alla chiesa di San Michele, nell’omonima frazione galbiatese, dove nel corso della giornata si terrà l’antica sagra di San Michele, fatta di bancarelle, laboratori, giochi e visite guidate.

sommi picenardi1

Giardini all’inglese di Villa Sommi Picenardi, Olgiate Molgora

Prende parte a Ville Aperte, inoltre, il comune di Civate, che apre l’immancabile complesso di San Pietro al Monte, la chiesa romanica di san Calocero e la Casa del Pellegrino, mentre a Merate cancelli aperti per Villa Confalonieri e per il suo parco. Un itinerario sulle orme del Parini arricchirà, invece, la giornata di Bosisio Parini: un percorso di circa un’ora e trenta che toccherà luoghi importanti quali la casa museo, il monumento allo scrittore e il centro internazionale di studi pariniani (prenotazione obbligatoria e info su orari su www.villeaperte.info). Prendono parte all’iniziativa, poi, Palazzo Bassi Brugnatelli di Robbiate, Villa Sommi Picenardi di Olgiate Molgora e Villa Amman di Ello, mentre non mancheranno le famosissime Villa Monastero di Varenna e Villa Greppi di Monticello. Infine la visita agli antichi portici delle ville oggionesi, arricchita da una serie di iniziative dedicate alla figura di Marco d’Oggiono, l’apertura del Piccolo Museo della Tradizione contadina di Bulciago, dell’Aia di Verderio e della piccola chiesa romanica di Arlate, a Calco.

INFO – Per conoscere tutti gli eventi in programma così come l’elenco dei comuni delle altre province coinvolte, visitare il sito dell’iniziativa: www.villeaperte.info.

 

Share.

L'autore di questo articolo