ARCHIVIO – “Lecco, la guerra, il fascismo. I miei ricordi”: in Sala Ticozzi la testimonianza di Giancarla Riva Pessina

0

LECCO – La città di Lecco, il fascismo, la seconda guerra mondiale nei ricordi di una donna che ha attraversato gli eventi più drammatici della Storia del Novecento. Si tratta di Giancarla Riva Pessina, già presidente dell’Anpi provinciale di Lecco e oggi protagonista di una serata organizzata proprio dall’Anpi in collaborazione con Qui Lecco Libera. Un appuntamento fissato per venerdì 18 maggio alle 21, in Sala Ticozzi (a Lecco), e che si articolerà nella proiezione di “Lecco, la guerra, il fascismo. I miei ricordi”, video-testimonianza di Giancarla Pessina, e in un successivo dibattito intorno ai temi emersi.

Nata nel 1930 nel rione lecchese di Pescarenico in una famiglia fortemente antifascista, Pessina è ancora molto giovane quando la guerra e il Novecento entrano nella sua vita. La chiamata alle armi dei suoi fratelli – uno stanziato in Grecia e l’altro in Francia -, il loro rientro dopo l’8 settembre, la lotta partigiana a Premana, l’arresto – nel ’44 – degli operai lecchesi in sciopero per il pane e per la fine della guerra, la Liberazione e, per tutta la vita, l’impegno sociale: ecco scorrere, attraverso le sue parole, eventi nazionali e locali, in un intrecciarsi di vicende personali e grande Storia.

Share.

L'autore di questo articolo