ARCHIVIO – Andrea Franzoso e Marco Missiroli alla Libreria Volante di Lecco

0

LECCO – Ci sarà il ritorno, in programma per giovedì 21 alle 21, del “disobbediente” Andrea Franzoso, mentre è fissato per sabato 23 alle 18 un pomeriggio in compagnia di Marco Missiroli, a Lecco per presentare il suo nuovo romanzo: Fedeltà. Alla Libreria Volante di Lecco ci si prepara per una settimana di appuntamenti: due incontri a distanza ravvicinata, inseriti nell’ampio programma della decima edizione di Leggermente, festival promosso da Confcommercio Lecco.

Primo evento in cartellone, come detto, quello di giovedì, quando il negozio di via Bovara accoglierà un’ormai “vecchia” conoscenza: più volte ospite della Libreria Volante, Andrea Franzoso torna a Lecco per raccontare quanto essere onesti sia “la vera rivoluzione”. Ex funzionario dell’internal audit di Ferrovie Nord Milano che nel 2015 ha denunciato le esagerate spese del presidente di Ferrovie Nord, nel libro Il disobbediente e nel successivo #Disobbediente! Essere onesti è la vera rivoluzione dedicato ai più giovani Franzoso ha narrato la sua personale esperienza e riflettuto «su quel bivio – come spiegano dalla Libreria – dinanzi al quale talvolta ci si trova: parlare anche quando può essere controproducente, oppure voltarsi dall’altra parte e far finta di non vedere?». Una storia divenuta nota anche grazie alle numerose apparizioni televisive di Franzoso: è il 2015 quando l’allora funzionario delle Ferrovie Nord sceglie di denunciare come il suo presidente stia utilizzando denaro pubblico per i propri interessi. Spese folli, come sono state definite: materiale porno, viaggi, abiti firmati, poker online, quadri per l’ex presidente della Regione Lombardia e molto altro. Una decisione, quella di Franzoso, che gli costerà il lavoro ma che, come recita il sottotitolo del suo libro, rappresenta la “vera rivoluzione”.

Si passa all’appuntamento con l’autore del bestseller Atti osceni in luogo privato nonché Premio Campiello Opera Prima con il suo romanzo d’esordio Senza coda, invece, sabato alle 18: lo scrittore nato a Rimini e milanese d’adozione Marco Missiroli sarà in Libreria per presentare il suo ultimo lavoro, Fedeltà. Un romanzo, questo, che parte da alcune domande che potrebbero suonare come una provocazione: siamo sicuri che resistere a una tentazione significhi essere fedeli? E se quella rinuncia rappresentasse il tradimento della nostra indole più profonda? Pagina dopo pagina scorre, quindi, la vicenda di una coppia di coniugi: un malinteso su un possibile tradimento e, da lì, un effetto domino sul loro rapporto. «In una Milano vivissima, tra le vecchie vie raccontate da Buzzati e i nuovi grattacieli che tagliano l’orizzonte, e una Rimini in cui sopravvive il sentimento poetico dei nostri tempi, il racconto – si legge nella presentazione del libro – si fa talmente intimo da non lasciare scampo. Con una scrittura ampia, carsica, avvolgente, Marco Missiroli apre le stanze e le strade, i pensieri e i desideri inconfessabili, fa risuonare dialoghi e silenzi con la naturalezza dei grandi narratori».

«Siamo felicissimi – è il commento di Serena Casini, titolare de La Libreria Volante – di ospitare due autori cosi importanti, l’uomo che ha alzato la testa davanti alla corruzione e che racconta la sua storia in un libro per ragazzi e uno per adulti e, dall’altra parte, il brillantissimo Missiroli, in meritato odore di Premio Strega».

Share.

L'autore di questo articolo