ARCHIVIO – “Dalla fabbrica ai lager”: la deportazione nazista dei lavoratori di Sesto. A Calco la presentazione del libro

0

valotaCALCO – Madri, mogli, figli raccontano la deportazione nei campi nazisti dei loro cari, tutti lavoratori dell’area industriale di Sesto San Giovanni. Nelle pagine del libro Dalla fabbrica ai lager, scritto da Giuseppe Valota ed edito da Mimesis Edizioni, scorrono le vite di chi ha visto il proprio padre, figlio, marito partire per un viaggio che per i più è stato senza ritorno, tutti catturati e deportati dai nazisti in seguito agli scioperi e alla resistenza operaia che ha coinvolto la città industriale di Sesto.

Un volume che sarà presentato nella serata di giovedì 25 febbraio presso la sala civica di Calco (alle 21), nell’ambito di un appuntamento promosso dalla Commissione Biblioteca e dalla Commissione Cultura e che vedrà intervenire, accanto all’autore del libro, anche Milena Bracesco, figlia di un deportato morto nel castello di Hartheim, e Mari Pagani, del circolo Arci Ventimila Leghe (che organizza viaggi della memoria).

Sciopero degli operai della Breda, '44

Sciopero degli operai della Breda, ’44

Figlio lui stesso di un deportato politico caduto a Mauthausen, Giuseppe Valota è oggi presidente dell’Associazione nazionale ex deportati politici nei campi nazisti di Sesto San Giovanni e Monza e nel corso degli anni ha raccolto testimonianze, interviste e diari dei deportati politici proprio dall’area industriale di Sesto San Giovanni, materiale oggi confluito nel libro pubblicato nel 2015. Venti anni di paziente lavoro per ricomporre, di tassello in tassello, il racconto della classe operaia, «della vita – si legge nella presentazione del volume – che ruotava attorno alla fabbrica, della vita vera, concreta, dolorosa, di tante famiglie private dell’unico sostegno. Ma anche il racconto della solidarietà, che sfidava il coprifuoco per dare alla famiglia del deportato un frutto, un pezzo di pane, qualche soldo: mani anonime che ti dicevano che non eri solo e si poteva resistere».

Share.

L'autore di questo articolo