ARCHIVIO – Enrico Deaglio a Lecco per presentare il suo “Indagine sul ventennio”

0

LECCO – Sarà il noto giornalista Enrico Deaglio il protagonista dell’incontro di giovedì 10 luglio organizzato dall’associazione Pio Galli. L’appuntamento, che si terrà nel salone Di Vittorio della Camera del Lavoro di Lecco alle 20.30, vedrà il giornalista presentare il suo ultimo libro: Indagine sul Ventennio, edito da Feltrinelli.

deaglio copertinaUn volume, questo, in cui Deaglio ripercorre gli ultimi vent’anni di storia italiana: anni che, secondo il giornalista, hanno completamente cambiato il paese;  anni dominati dalla figura di Silvio Berlusconi. Diversi gli interrogativi a cui il libro tenta di dare una risposta, a partire da una domanda di fondo: cos’è stata l’Italia degli ultimi vent’anni? Deaglio si interroga, quindi, sulla natura del potere berlusconiano, sulle ragioni dell’ascesa politica dell’ex Cavaliere e sul perché di un così duraturo consenso. Nel rispondere a questi quesiti, nel suo ultimo lavoro il giornalista segue, quindi, l’evoluzione degli scenari politici, presentando retroscena ancora poco conosciuti e descrivendo personaggi importanti della seconda repubblica, «dagli eroi – si legge nella presentazione del libro – ai miracolati».

Non solo la figura di Berlusconi, quindi, ma anche molti degli attori politici del ventennio, che per motivi diversi si sono confrontati con lui: dagli esponenti della Lega Nord a quelli della sinistra italiana. Presenti all’interno del volume, infine, anche dodici interviste fatte a testimoni degli ultimi vent’anni. Si tratta di Silvia Ballestra, Ivan Carozzi, Mario Deaglio, Andrea Jacchia, Gad Lerner, Fausto Melluso, Peppino Ortoleva, Marcelle Padovani, Romano Prodi, Massimo Recalcati, Roberto Saviano e Adriano Sofri.

L’incontro di giovedì sera vedrà nel ruolo di moderatore il giornalista del Corriere della Sera Massimo Rebotti.

L’AUTORE – Dopo aver iniziato l’attività giornalistica al quotidiano Lotta Continua, di cui è stato anche direttore dal 1977 al 1982, Enrico Deaglio ha lavorato in diverse testate nazionali come La Stampa, Il Manifesto, Epoca, Panorama, l’Unità. Direttore del quotidiano Reporter e dal 1997 al 2008 del settimanale Diario, attualmente collabora con La Repubblica. Numerose anche le sue esperienze in televisione: dagli esordi degli anni Ottanta come inviato di Mixer, fino alla conduzione di programmi d’inchiesta giornalistica su Raitre, tra cui Milano – Italia, Ragazzi del ’99, Così va il mondo, Vento del Nord e L’Elmo di Scipio. Tra i libri di maggiore successo, infine: La FIAT com’è – La ristrutturazione davanti all’autonomia operaia, La banalità del bene – Storia di Giorgio Perlasca, Patria 1978-2008 e Il vile agguato, chi ha ucciso Paolo Borsellino – Una storia di orrore e menzogna.

Share.

L'autore di questo articolo

Daniele Frisco

È il flâneur numero uno, ideatore e cofondatore del giornale. Seduto ai tavolini di un qualche bar parigino, lo immaginiamo immerso nei suoi amati libri, che colleziona senza sosta e che non sa più dove mettere. Appassionato di Storia e, in particolare, di Storia culturale, è un inarrestabile studente (!): tutto è per lui materia da conoscere e approfondire. Laurea? Quale se non Storia del mondo contemporaneo?! Tesi? Un malloppo sul multiculturalismo di Sarajevo nella letteratura, che gli è valso la lode. Travolto da un vortice di lavori – giornalista, insegnante di Storia, istruttore del Basket Lecco – tra una corsa di qua e una di là ama perdersi nel folk-rock americano, nei film di Martin Scorsese e di Woody Allen, nella letteratura mitteleuropea e, da perfetto flâneur, nelle strade della cara e vecchia Europa. Per contattarlo: daniele.frisco@ilflaneur.com