ARCHIVIO – A Civate i Sulutumana e Alfredo Scogna omaggiano Fabrizio De André

0

CIVATE – Un omaggio a uno dei più grandi cantautori della storia della musica italiana, in programma al Circolo Arci Bellavista di Civate. Fissato per la serata di sabato 12 gennaio (alle 21), infatti, il concerto Nel nome del Faber: un live che vedrà esibirsi una delle band più interessanti della musica d’autore italiana, i Sulutumana, che per l’occasione sarà accompagnata dal cantautore abruzzese Alfredo Scogna.

Presenti a Civate in versione trio con Galli, Andreotti, Giori, i Sulutumana hanno da poco inciso un nuovo album Vadavialcù. Una carriera che ha preso il via sul finire degli anni Novanta e ricca di prestigiosi riconoscimenti, il più importante dei quali è stato sicuramente il Premio Tenco – Targa Imaie come miglior gruppo inedito, ricevuto nel 2000. Numerosi nei vent’anni di carriera i concerti che hanno portato la formazione a esibirsi su palchi italiani, svizzeri e tedeschi: live che sono diventati la vera cifra stilistica del gruppo, una sapiente miscela di intensità emotiva e divertimento. Sul palco di Civate si esibiranno, come detto, insieme al cantautore Alfredo Scogna con cui collaborano da diverso tempo.

Originario di Guardiagrele, grazie all’incontro con Ivan Graziani Scogna si appassiona alla musica d’autore e alla poesia, soprattutto a quella legata alla sua terra d’origine: l’Abruzzo. E proprio dedicate alla sua terra sono le prime composizioni confluite negli album Nella poesia c’è musica e La città di Mafalda, nell’ultimo dei quali raccoglie le canzoni scritte nell’arco di 20 anni di carriera. Il cantante collabora anche all’organizzazione di concorsi nazionali e da due decenni promuove Il Bolognino d’oro, concorso nel quale fa esibire interpreti provenienti da tutta Italia.

Una serata, quella civatese, che come dicevamo sarà un omaggio a De André: «un po’ per caso, un po’ per desiderio, un po’ perché bisogna fare i conti con le radici della tua arte – spiegano, infatti, i musicisti – alla fine siamo caduti sopra il fieno delle canzoni del Faber e ne è nata questa serata».

Ingresso con tessera Arci.

Share.

L'autore di questo articolo