ARCHIVIO – Biglietto per l’Inferno e sette rock band locali
A Lecco una lunga maratona di live. Chiusura affidata alla storica prog band

0

bigliettoLECCO –  Un lungo pomeriggio di musica con sette band del territorio e gran finale, la sera, affidato ai Biglietto per l’Inferno, la storica prog band lecchese che negli anni Settanta si è imposta a livello internazionale. Sabato 11 giugno la piazza Garibaldi di Lecco accoglie una vera maratona musicale: un’iniziativa promossa dal Comune di Lecco in collaborazione con le associazioni Maratona del Calcio, Risuono e Biglietto per l’Inferno. Un grande concerto gratuito, quindi, che ai successi dei Biglietto mescolerà pezzi di giovani promesse della musica rock locale.

Sette, come anticipato, le band del territorio che saliranno sul palco lecchese: si tratta dei sette vincitori di altrettante serate del Giuga Rock, il contest che da febbraio a maggio ha visto sfidarsi oltre venti gruppi giovanili locali. Ora, proclamati i finalisti, ecco che le band si esibiranno una dopo l’altra, a partire dalle 16.30, e che si contenderanno il premio finale: la registrazione di un Ep e di un videoclip.

Ad aprire il pomeriggio saranno i mandellesi 5Fingers, con il loro mix di pezzi elettrici e acustici. E poi via, una carrellata musicale fatta di rock, pop e country dagli anni ’50 ai giorni nostri targata White Noise Trio, di ska con i lecchesi Super Gifted Armadillos e di atmosfere acustiche da Standing Babas. E ancora gli Ipocrisia, il duo composto da Pietro Magnani e Tobia Galimberti e l’hard rock dei Midnight train.

bigliettoMa il grande evento è quello della sera: a partire dalle 21.30 saranno sul palco lecchese, infatti, i Biglietto per l’Inferno, gruppo nato a Lecco e che negli anni Settanta ha fatto la storia del prog italiano. Un mix di musica, colori e atmosfere, quello che sarà proposto nella serata lecchese e che sarà occasione per riascoltare alcuni dei brani storici della band, da Ansia a Confessione.

In caso di maltempo l’evento sarà rinviato al 23 luglio 2016.

Share.

L'autore di questo articolo