ARCHIVIO – “Brianza Classica” a Verderio: in programma “Natale Barocco” con musiche sei e settecentesche. Protagonista il duo Matteoli-Ambrosio

0

VERDERIO – Una serata sulle note di sonate barocche per flauto dolce e organo sei e settecentesche, interpretate da Giorgio Matteoli e Luca Ambrosio. Si intitola Natale Barocco ed è l’appuntamento che porta a Verderio – precisamente nella Chiesa SS. Nazaro e Celso – Brianza Classica, la rassegna voluta da Early Music Italia e che da parecchie edizioni ha per protagonista, come suggerisce il titolo, la musica classica, proposta di volta in volta in diverse località della Brianza. Prossimo concerto in cartellone, quindi, quello fissato per sabato 1 dicembre alle 21, quando a esibirsi sarà il flautista nonché direttore artistico del festival Giorgio Matteoli, per l’occasione accompagnato all’organo da Luca Ambrosio.

Insieme, i due eseguiranno un programma composto, come anticipato, da celebri musiche originali del XVII e XVIII secolo di compositori italiani, tedeschi e francesi, da Vivaldi a Bach, da Händel a Chedeville. Un concerto che a movimenti di ispirazione natalizia unirà brani del repertorio antico quali Aria sulla quarta corda di Bach, Passacaglia in sol minore di Händel e la Toccata di Paradisi per organo solo, senza tralsciare il concerto in Re minore per oboe ed archi di Alessandro Marcello.

I MUSICISTI –  Diplomato in violoncello, flauto dolce e musica da camera al conservatorio di Santa Cecilia, Giorgio Matteoli è laureato in Lettere a indirizzo storico all’Università di Roma e ha seguito studi di composizione, contrappunto e direzione d’orchestra nei Conservatori di Milano e Como, specializzandosi nell’esecuzione del repertorio antico, sia con il flauto che con il violoncello. Attualmente collabora, sia come musicista che come direttore d’orchestra, con diversi ensemble e istituzioni concertistiche ed è docente di flauto dolce e musica d’insieme con strumenti antichi al Conservatorio di Firenze. Accanto a Matteoli, come detto, Luca Ambrosio, diplomato in pianoforte e clavicembalo all’istituto musicale “Bellini” di Catania. Sul suo curriculum di studi la scuola di alto perfezionamento musicale di Saluzzo, la Schola Cantorum Basiliensis in Svizzera, la laurea in Musicologia e il dottorato di ricerca in Scienze del testo letterario e musicale, entrambi all’Università di Pavia. Da anni collabora con diversi gruppi specializzati nell’esecuzione su strumenti originali.

INFORMAZIONI – Ingresso libero con prenotazione consigliata sul sito www.brianzaclassica.it. Le prenotazioni si aprono il lunedì e si chiudono il giorno prima del concerto, salvo esaurimento dei posti disponibili. Sono garantiti posti nelle prime file per i Sostenitori e posti a sedere per i Residenti di Verderio, previa prenotazione telefonica al numero 339 8862993 o via email: info@brianzaclassica.it. Per chiunque è possibile presentarsi il giorno stesso dello spettacolo e usufruire di eventuali posti residui.

Share.

L'autore di questo articolo