Il grande jazz internazionale sbarca a Lecco
Tra gli ospiti del “Lecco Jazz Festival” anche il batterista Peter Erskine

0

LECCO – Alcuni dei più importanti esponenti del panorama jazzistico italiano e una star internazionale del calibro di Peter Erskine per il Lecco Jazz Festival 2017. Intitolata per quest’anno Esplorazioni Jazz tra Europa e altri mondi e giunta alla sua seconda edizione, la manifestazione dedicata a Giorgio Gaslini prenderà il via martedì 11 luglio 2017 e fino a settembre proporrà un programma ricco di eventi e concerti, seguito nei mesi successivi da seminari e workshop.

Dado-MoroniSi parte, come detto, martedì 11 alle 21 (in Piazza Garibaldi) con il primo dei quattro appuntamenti live del mese di luglio: il concerto di Moroni, Gomez e La Barbera, un trio di livello assoluto che proporrà, oltre a standard jazz trasformati dai musicisti in brani originali, un omaggio al grande pianista Bill Evans. Nata da un’idea del pianista Dado Moroni, la formazione rientra nel progetto dedicato al grande jazzista americano e proprio per questo chiamato Kind of Bill. Per l’occasione il pianista italiano ha scelto due storici collaboratori di Evans: il contrabbassista portoricano Eddie Gomez e il batterista americano Joe LaBarbera.

marco-detto-1Il programma prosegue venerdì 14 luglio con un altro nome di punta del jazz italiano: Marco Detto con il suo trio, composto da Marco Antonio Ricci al basso e Tony Arco alla batteria. «Melodia e cantabilità – spiegano dal Comune di Lecco -  sono componenti essenziali della musica di Marco Detto, con una miscela sonora di pianismo fluido, essenziale, semplice nell’espressione, ma con una costruzione più complessa fra pianoforte, basso e batteria».

cappellettiUn altro trio di scena lunedì 17. È quello guidato dal pianista Arrigo Cappelletti che si avvarrà della collaborazione di due musicisti d’eccezione: il contrabbassista Furio Di Castri e il batterista Filippo Monico. Tra i precursori del tango-jazz in Italia, Cappelletti negli anni ha continuato nella sua ricerca musicale basata sul confronto tra il jazz e altri generi musicali come il già citato il tango argentino, il fado portoghese, il Lied romantico e novecentesco, l’avanguardia colta e la musica africana di Abdullah Ibrahim.

Grande attesa, poi, per l’ultimo concerto di luglio. A calcare il palco di piazza Garibaldi giovedì 27 sarà, infatti, un’icona del jazz mondiale: il grande batterista Peter Erskine, che si esibirà sul palco accompagnato da altri grandissimi nomi del jazz internazionale, come John Beasley al pianoforte, Benjamin Shepherd al basso e Bob Sheppard al sassofono, tutti uniti nella band Dr. UM. erskine 2Parte di storici gruppi come i leggendari Weather Report o gli Steps Ahead, Eskine è considerato uno dei più importanti batteristi jazz viventi e nella sua carriera sono state tantissime le collaborazioni con personalità di spicco della musica internazionale, dagli Steely Dan a Chick Corea, da Diana Krall a Pat Metheny.

Da segnalare, infine, gli appuntamenti per l’ultimo fine settimana di luglio. Sabato 29 si terrà infatti l’evento Suonami, con 6 pianoforti posizionati in alcuni angoli della città e messi a disposizione di chiunque voglia suonare in piena libertà dalle 10 alle 19, mentre domenica 30 alle 18 (sulla piattaforma a lago) si terrà un reading musicale sulla storia del jazz in collaborazione con l’Associazione Cielivibranti.

INFORMAZIONI - Tutti gli eventi saranno gratuiti e i concerti di luglio si terranno in piazza Garibaldi alle 21 (in caso di maltempo gli eventi si terranno nell’Auditorium Casa dell’Economia, in Via Tonale 28).

Il jazz tornerà in città nel mese di settembre con il Lecco Jazz Off Festival – Suoni sui confini, itinerari non ortodossi sulle tracce di Giorgio Gaslini: in programma, infatti, altri due appuntamenti realizzati in collaborazione con il Crams (Centro ricerca arte musica spettacolo) e il Cepi (Centro europeo perl’improvvisazione).

Share.

L'autore di questo articolo