ARCHIVIO – Lecco: al Libero Pensiero arriva il contrabbassista jazz Barre Phillips

0

LECCO – È un contrabbassista jazz di fama mondiale e questo mercoledì 21 maggio si esibirà insieme al suo gruppo Emir A3 e ai musicisti dell’associazione lecchese Bassa Definizione. Si tratta di Barre Phillips, instancabile ottantenne che salirà sul palco del Circolo Libero Pensiero di via Calloni 14, a partire dalle 21.30. Un’occasione da non perdere, quindi, per poter ascoltare il contrabbassista dalla spiccata vocazione all’improvvisazione, ancora una volta sul punto di partire per un tour in giro per l’Europa.

Lionel Garcin

Lionel Garcin

Promosso dal circolo di Rancio in collaborazione con l’associazione Bassa Risoluzione, il concerto sarà caratterizzato da due parti distinte: in un primo momento Barre Phillips salirà sul palco accompagnato esclusivamente dagli altri due membri del trio Emir A3, ossia Lionel Garcin al sax e Emilie Lesbros alla voce, mentre nella seconda parte della performance toccherà ad alcuni musicisti lecchesi interagire con il grande jazz-man, in un susseguirsi di composizioni istantanee. Tra di loro hanno già aderito all’iniziativa Lionello Colombo, Stefano Tampellini, Mauro Gnecchi, Enrico Fagnoni, Marco Menaballi, Paola Colombo, Maurizio Aliffi, Fausto Tagliabue e Luici Crippa.

IL MUSICISTA – Nato a San Francisco nel 1934, Barre Phillips completa i suoi studi musicali nella città natale e nel 1962 decide di emigrare in una delle capitali della musica di quegli anni, la Grande Mela. L’esperienza a New York dura giusto qualche anno, sino a quando nel ’67 lascia gli Stati Uniti per il Vecchio Continente e nel ’72 si stanzia definitivamente nel sud della Francia. Scorrere la discografia di Phillips significa immergersi nella storia della musica: tra i grandi musicisti con cui ha registrato spiccano, infatti, nomi come John Coltrane, Chick Corea, Eric Dolphy, Jimmy Giuffre, Peter Nero, Archie Shepp, Lee Konitz, John Lennon e Yoko Ono, Friedrich Gulda e Michel Petrucciani. A partire dal 1970 fa parte di “The Trio” insieme al sassofonista John Surman e al batterista Stu Martin, mentre negli anni Ottanta e Novanta suona regolarmente con la London Jazz Composers Orchestra, guidata dal bassista Barry Guy. Tra le altre collaborazioni, da segnalare quella con i bassisti Peter Kowald e Joëlle Leandre, con il chitarrista Derek Bailey, i clarinettisti Theo Jörgensmann e Aurélien Besnard, i sassofonisti Peter Brötzmann, Evan Parker e Joe Maneri e il pianista Paul Bley.

Emilie Lesbros

Emilie Lesbros

INFORMAZIONI – L’ingresso al concerto è libero, anche se la serata è stata pensata come un “door gig”. Questo significa che i musicisti non percepiranno un cachet per la loro presenza, ma solo le eventuali e libere donazioni del pubblico. Una modalità, quella del door gig, molto frequente nei club di New York.

Share.

L'autore di questo articolo