ARCHIVIO – St. Patrick’s Day: allo Shamrock di Lecco 4 giorni di concerti, danze e birra

0

LECCO – Musiche e danze irlandesi, concerti, degustazioni di birre in arrivo direttamente dall’isola verdeggiante e molto altro. San Patrizio si avvicina e lo Shamrock Irish Pub di Lecco si prepara a una carrellata di giorni di festa: un cartellone che da mercoledì 13 a domenica 17 marzo, giorno del patrono irlandese, ha in serbo eventi di diverso tipo , tutti accomunati dal desiderio di rendere omaggio a una terra che non smette mai di appassionare.

Ad aprire i festeggiamenti è il concerto dei Selfish Murphy, band di folk rock irlandese proveniente dalla Transilvania e attesa nel locale lecchese per mercoledì 13 marzo alle 21.30. Una formazione, questa, nata nel 2011 per proporre un genere musicale sino a quel momento poco conosciuto in Romania, con pezzi del tradizionale repertorio Irish e cover di brani popolari, rivisitati in stile folk irlandese.

Dopo la pausa di giovedì, venerdì 15 si passa al cibo e alla birra: in programma dalle 20.30, infatti, la serata di degustazione di piatti tipici e di birre artigianali irlandesi che vedrà la presenza di mastri birrai provenienti dalle contee di Donegal (Kinnegar Brewing), Dublino (Hope Beer) e Sligo (The White Hag Irish Brewing Co.).

Si torna alla musica, invece, sabato sera, quando a partire dalle 21.30 il palco allestito all’esterno del locale di via Parini ospiterà i 4UB Italian U2 Tribute, cover band del gruppo rock irlandese più famoso al mondo: gli U2. Punto d’incontro per tutti i veri appassionati della band irlandese, il gruppo ne ripropone non solo i pezzi, ma anche lo stile, con Gabriele Favia, Andrea Anx Perego, Mauro Berton e Manuel Taranto pronti a indossare i panni dei musicisti originali: stessi abiti di scena, stessa strumentazione, stessi movimenti.

Intera giornata di festa, infine, quella fissata per domenica 17: dopo lo spettacolo itinerante dei FollElfi di San Patrizio, con buffi personaggi a cura di Altri Tempi – Fra Stornati e in programma alle 12, alle 14.30 (sul palco esterno al locale) sarà la volta del concerto dei Winetellers, duo acustico composto da Christian Draghi e Riccardo Maccabruni che propone un repertorio capace di spaziare da Simon & Garfunkel al Blues delle origini, da Neil Young a The Band. Si passa all’incontro La voce dell’Irlanda: miti, storie e leggende dell’isola di smeraldo alle 16, con protagonista lo scrittore Paolo Gulisano, e al concerto mandolino, chitarra e violino di Andrea Verga alle 17 (sempre sul palco esterno), con il suo mix di Old Time, Bluegrass, Folk, Americana e Irish.

Danze irlandesi con La compagnia TraBallante, invece, dopo cena (nel parcheggio di via Parini): in programma per le 20, l’esibizione avrà per protagonista il gruppo lecchese specializzato proprio in musiche irlandesi. Dopo la trasmissione, all’interno del locale, del derby Milan-Inter, alle 21 (all’esterno) toccherà all’Orobian Pipe Band, banda di cornamuse e percussioni scozzesi nata nella bergamasca dall’incontro di un gruppo di amici, tutti accomunati dalla passione per la musica tradizionale e per la cultura scozzese. Infine, alle 22 (sul palco esterno), la chiusura affidata ai Bards From Yesterday, band piemontese di musica tradizionale irlandese e che si definisce un «gruppo di cantastorie che raccontano miti e leggende di alcol e bravate, dalla favola del marinaio ubriaco al ballo forsennato dei contrabbandieri».

Share.

L'autore di questo articolo