ARCHIVIO – Tra pop-rock, blues e folk: al Coe di Barzio i milanesi Strange Silver Man

0

BARZIO – Un concerto per lanciare la campagna del Coe a sostegno delle scuole in Camerun. Sabato 30 luglio, a partire dalle 21, la sede di Barzio del Centro orientamento educativo diviene palcoscenico per una serata di musica dal vivo. In programma, infatti, il concerto degli Strange Silver Man, formazione nata a Milano nel 2014 dalle ceneri dei Susina’s Silver Club, band rock’n’roll attiva dal 2004 sul territorio lombardo e premiata nel 2008 dal Comune di Milano come migliore gruppo emergente della scena underground meneghina. Ora, sganciati dal passato, gli Strange Silver Man proseguono nel solco del rhythm and blues e approdano a Barzio a sostegno della campagna del Coe Back to School/Tutti a Scuola, volta proprio a garantire, grazie a un apposito progetto umanitario, l’istruzione nel paese dell’Africa subsahariana.

strange silver manUna band che nel corso della serata proporrà, proprio come è nel suo stile, una miscela di pop-rock, blues e folk, il tutto arricchito dal sound del sax tenore, spesso solista. Un repertorio, quello di Paolo Caporali, Andrea Garbato, Lorenzo Teatini, Stefano Romano, Filippo Rapisarda, che spazierà da George Brassens agli Ja-Ga Brothers, da Hank Williams a pezzi inediti del loro album, dove accanto a brani in inglese trovano spazio testi in francese, questo grazie al volontariato svolto dal cantante in paesi francofoni dell’Africa.

«Siamo molto felici – questo il commento della presidente del Coe, Rosa Scandella – di ospitare una tappa del tour degli Strange Silver Man il cui cantante è stato un nostro volontario in servizio civile in Camerun ed ora un nostro socio e collaboratore. Invitiamo tutti a questo evento che animerà il nostro giardino e la Valle. Attraverso le donazioni che riceveremo sosterremo le scuole che il COE ha avviato in Camerun».

INFORMAZIONI – Concerto alle 21, presso la sede Coe di via Milano 4 – Barzio. L’ingresso è libero. Per informazioni: COE - 0341 996453.

Share.

L'autore di questo articolo