ARCHIVIO – A Valmadrera ultimo tuffo negli anni ’80: sabato si chiude “Anni 80 reloaded”

0

anni 80 sguardi web-2VALMADRERA – Serata conclusiva sabato 8 novembre di Anni 80 reloaded…una storia importante, la rassegna che il Comune di Valmadrera ha dedicato a una decade intensa e controversa come quella degli anni ’80. Due gli appuntamenti per la serata di sabato, entrambi in programma presso il Centro Culturale Fatebenefratelli. Si parte, infatti, alle 21 con Vestivamo come Drive…In, una sfilata di moda e di ricordi nella quale appariranno figure familiari a chi era giovane in quegli anni. I punk e i paninari, quindi, ma anche travestimenti ispirati a icone della cultura pop di quegli anni, come Madonna o i Guerrieri della notte: loro, infatti, i protagonisti dell’insolita sfilata, curata da Filippo Ughi e Betti Sala e realizzata in collaborazione con le associazioni Quellidellospecchio e il Tricheco.

I Ghost Mantra

I Ghost Mantra

Cambio deciso di atmosfere e di forma artistica, invece, alle 21.30, quando a essere protagonista sarà la musica rock che negli anni ’80 ha prodotto interessanti e trasgressive novità. La band rock dei Ghost Mantra, insieme all’attore Alberto Bonacina, guideranno gli spettatori in un lungo viaggio tra brani e musicisti simbolo di quegli anni. Si andrà infatti dai Dire Straits ai Ramones, da Battiato ai Police, sempre cercando di “interpretare suonando” un’epoca che, al di là di una facciata superficiale, ha posto domande a cui non si è ancora riusciti a dare una risposta.

anni80volantino-2Da segnalare, infine, che prosegue fino all’8 di novembre la mostra fotografica Magnifica Illusione, allestita all’interno del Centro Fatebenefratelli e caratterizzata da trenta opere dei giovani studenti dell’Istituto Italiano di Fotografia di Milano. Una raccolta di scatti che si ispirano ai simboli, alle ideologie, ai miti, alle mode e ai capricci proprio degli anni ’80, a volte reinterpretati in modo ironico e dissacrante. La mostra si potrà visitare giovedì, venerdì e sabato dalle 18 alle 21.

L’ingresso agli spettacoli e alla mostra è libero.

Share.

L'autore di questo articolo