Con “SCultura” lo Spazio Teatro Invito diventa polo culturale.
In partenza una ricca stagione tra teatro, cinema, conferenze e laboratori

1

LECCO – Ci sarà il teatro, certo, con ospiti del calibro di Marco Baliani e Giuliano Scabia. Ma anche il cinema, con proiezioni dedicate a bambini e adulti, tutte di alta qualità. E ancora cicli di conferenze su tematiche quali, ad esempio, il viaggio e le culture. Lo Spazio Teatro Invito di Lecco diventa un vero polo culturale: un centro aperto e inclusivo, interamente dedicato alla Cultura in tutte le sue forme. Presentato lo scorso mercoledì 18 ottobre, il progetto SCultura coinvolge diverse realtà del territorio, da Teatro Invito a Dinamo culturale, da Les Cultures al Cerchio Tondo. Una grande partnership, quindi, tra alcuni di quei soggetti del territorio «che operano – come spiegano i promotori – in settori contigui e complementari come il teatro, il cinema, la musica e l’intercultura, qui insieme nel proporre rassegne trasversali che comprendano spettacoli, film e concerti ma anche attività laboratoriali su più discipline, corsi, incontri con registi e autori, mostre, workshop».

Marco Baliani

Marco Baliani

ALCUNE ANTICIPAZIONI - Venendo alle anticipazioni sull’imminente stagione 2017/2018, si partirà con il teatro, in particolare quello dedicato ai bambini: dal 5 novembre all’11 marzo si susseguiranno 9 spettacoli per famiglie, dai burattini al teatro d’attore. In arrivo sul palco dello Spazio Teatro Invito non soltanto compagnie del territorio, ma anche realtà provenienti da diverse regioni della Penisola. Poi, in partenza il 10 novembre, il teatro serale: 16 appuntamenti tra teatro e musica che potranno contare sulla presenza, solo per citarne alcuni, di Marco Baliani nel suo celebre Kohlhaas, considerato primo spettacolo del teatro di narrazione italiano contemporaneo, di Roberto Anglisani in Giobbe (qui la nostra recensione), di Giuliano Scabia in L’azione perfetta. Ospite della stagione anche il Workcenter di Jerzy Grotowski: tre giorni di laboratorio teatrale di livello internazionale intorno al tema Il canto e l’azione.

Ricco anche il programma cinematografico a cura dell’associazione Dinamo Culturale: in cartellone pellicole dedicate ai bambini e vincitrici di prestigiosi riconoscimenti e film per adulti di alto livello, da A ciambra di Jonas Carpignano (lavoro che rappresenterà l’Italia agli Oscar 2018) a Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli (Premio Orizzonti per il miglior film alla 74^ Mostra del Cinema di Venezia).

"A ciambra"

“A ciambra”

A completare l’offerta culturale saranno, infine, i corsi di teatro curati da Teatro Invito, gli spettacoli nelle scuole e, nel corso del 2018, un ciclo di conferenze e un laboratorio dedicato alle seconde generazioni, entrambi a cura di Les Cultures Onlus.

Il Flâneur, media partner della stagione, vi racconterà dettagliatamente ogni rassegna e vi terrà aggiornati sugli appuntamenti in programma.

Share.

L'autore di questo articolo