ARCHIVIO – “Festival della Letteratura di Mandello del Lario”: 12 giorni di presentazioni di libri, incontri con autori e spettacoli teatrali

0

MANDELLO DEL LARIO – Dodici giorni di incontri con autori, presentazioni di libri, spettacoli teatrali e appuntamenti per ragazzi, con ospiti del calibro di Gianfranco Calligarich, Enrico Galiano, Andrea Vitali e Beppe Bergomi, Luca Mazzocchelli, Alice Basso, Alberto Schiavone e molti altri. Stiamo parlando della seconda edizione del Festival della Letteratura di Mandello del Lario, anche quest’anno organizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con Associazione Fuoriclasse, Edicola Cumbre, libreria La casa di Margherita, Compagnia di lettura Favolare, ProLoco, Punto Giovani e con la direzione artistica di Alberto Moioli. Una rassegna che prende il via giovedì 9 maggio al Teatro Fabrizio De André con la presentazione del libro Biagio Proietti. Un visionario felice, curato da Mario Gerosa e dedicato allo sceneggiatore e regista che ha fatto la storia della televisione italiana, presente per dialogare con lo scrittore Gianfranco Calligarich. E poi, fino a lunedì 20 maggio, un susseguirsi di eventi che vedranno la partecipazione, oltre che di alcuni autori di richiamo nazionale, anche di numerosi scrittori locali, in un festival che avrà nel teatro mandellese e nella piazza del Comune le principali location.

Tra gli appuntamenti in cartellone, in particolare, la serata di venerdì 10 maggio, quando è fissata la presentazione del libro Bella zio. Il mio romanzo di formazione in compagnia dell’autore Andrea Vitali e dell’ex campione del mondo Giuseppe Bergomi, protagonista di questo romanzo biografico. Sempre nel primo weekend spazio, sabato pomeriggio, al romanzo d’esordio dello scrittore lecchese Mattia Conti, Di sangue e di ghiaccio, che racconta una storia ambientata in una Lecco contadina di fine Ottocento, giocata sull’incrocio tra il mondo dei teatranti e quello dei folli. Scorrendo il programma, si segnalano anche l’incontro di lunedì 13 con Alberto Schiavone, a Mandello per parlare del suo Dolcissima abitudine (romanzo che narra la vicenda di Piera, sessantaquattrenne che per gran parte della sua vita è stata Rosa, una prostituta) e l’attesa presentazione di mercoledì 15 del romanzo La malinconia dei Crusich di Gianfranco Calligarich, finalista al Premio Manzoni 2017. Un libro, quest’ultimo, che racconta di una grande saga familiare, in cui tre generazioni di italiani emigrati attraversano la Storia del secolo scorso.

In programma per il secondo weekend della kermesse, invece, Enrico Galiano con Più forte di ogni addio, l’incontro dedicato a La Breva di Alfredo Chiappori e la presentazione dell’ultimo romanzo di Alice Basso (Un caso speciale per la ghostwriter), nuovo capitolo della saga che vede protagonista la ghostwriter Vani Sarca.

Non solo libri, però: durante le giornate di festival ci sarà spazio anche per la musica dal vivo, con il concerto di Charles Kablan con Pico Rama (in programma venerdì 10), e per gli spettacoli teatrali. Attesi sul palco del De André, infatti, il Gruppo Teatrale Eudaimonia con Il furto della Gioconda (regia di Nicola Bizzarri), Guido Marangoni con Siamo fatti di-versi (tratto dal suo Anna che sorride alla spiaggia), mentre la chiusura sarà affidata a (T)recital con Germano Lanzoni (Il milanese imbruttito, il Terzo Segreto di Satira), Rafael Didoni (comico, cantautore, poeta e speaker radiofonico di RMC) e Flavio Pirini (attore e cantautore), per la regia di Debora Villa.

Di seguito il programma completo:

Share.

L'autore di questo articolo