ARCHIVIO – A bordo dell’Addarella alla scoperta delle Agane, spiriti che ammaliano

0

BRIVIO – Chi siano non è chiaro, con quell’aura di mistero che le avvolge. Certo è, però, che popolano le acque di fiumi e ruscelli, tanto da essere considerate protettrici delle acque, talvolta anche dei pescatori. Alle agane, spiriti protagonisti di numerose leggende, è dedicato l’appuntamento che il festival I luoghi dell’Adda di Teatro Invito torna a proporre a tre meni dall’annullamento a causa del maltempo. Acque chiare acque scure - ecco il titolo dello spettacolo di Ortoteatro che il 23 settembre alle 18 (e alle 19.30 solo al riempimento del primo turno) si terrà a bordo dell’Addarella (ritrovo presso l’attracco) – sarà un viaggio alla scoperta di queste figure mitologiche: un racconto che grazie alle parole di Fabio Scaramucci e alla musica della fisarmonica di Fabio Mazza evocherà storie di agane, mazzarot e sirene, il tutto circondati dalle acque chiare e acque scure dell’Adda.

acque chiare«Le Agane – si legge nella presentazione dello spettacolo – popolano le polle e le anse di fiumi e ruscelli, sono descritte in modi molto diversi come bellissime creature che ammaliano e traggono nelle acque profonde il malcapitato che si lasci irretire, oppure sono vecchie laide; spesso si presentano con i piedi rovesciati all’indietro, o sono interamente coperte di pelo e setole. Certo è che solo l’aspetto resta dubbio, mentre nei nostri vecchi era assoluta la certezza della loro esistenza».

Leggende talmente diffuse da divenire quasi realtà: a rendere le acque di fiumi, laghi e mari di colore diversi sarebbero proprio loro, gli spiriti che le abitano. Una navigazione che la compagnia friulana definisce ricca di emozioni e per tutte le età.

INFORMAZIONI – Per partecipare è necessario prenotarsi al numero 346.5781822 | elena@teatroinvito.it. Biglietto che include lo spettacolo e la navigazione a bordo dell’Addarella 10 euro.

Share.

L'autore di questo articolo