ARCHIVIO – “I luoghi dell’Adda”: a Olginate va in scena “Ofelia non deve morire”

0

OLGINATE – Shakespeare, Amleto e il teatro visti con gli occhi di una ragazza del Seicento. Si intitola Ofelia non deve morire ed è il prossimo appuntamento con I Luoghi dell’Adda, la rassegna promossa da Teatro Invito che in queste settimane sta portando il teatro in alcune delle più suggestive location lungo il fiume lombardo. Nella serata di venerdì 17 giugno, presso Convento di Santa Maria La Vite a Olginate, andrà in scena lo spettacolo scritto e diretto da Luciano Nattino e interpretato da Patrizia Camatel.

OfeliaSiamo nel 1600 e la compagnia di William Shakespeare sta andando in scena con Amleto al nuovissimo Globe Theatre di Londra. Qui fa la sua apparizione Kate, giovane donna proveniente dalla stessa cittadina del grande drammaturgo (Stratford-upon-Avon) e che a Londra sta seguendo proprio le rappresentazioni della tragedia del Bardo. La protagonista dello spettacolo, già appassionata di teatro grazie alle compagnie itineranti tanto in voga in Inghilterra, riesce quindi a ottenere il permesso di incontrare e parlare con il suo celebre concittadino. E proprio il dialogo tra la donna e Shakespeare sarà il fulcro dello spettacolo.

«Tra Kate e Shakespeare – spiegano infatti dalla compagnia –  avviene così un dialogo (a tratti divertente, a tratti commovente) in cui la giovane donna, oltre ad esprimere il suo apprezzamento per l’opera, rivela tutta la sua enorme passione per il teatro. In più ha delle richieste precise da fare al poeta (tra cui quella che dà il titolo allo spettacolo) che accompagna con garbo e freschezza ma anche con grintosa tenacia».

Si tratta quindi di uno spettacolo che sceglie l’artificio del dialogo per far conoscere meglio agli spettatori una tragedia come Amleto e alcuni aspetti della vita di William Shakespeare, ma anche per offrire uno spaccato del teatro in generale con i suoi problemi e il suo fascino ancora attuale.

L’ingresso è libero

Share.

L'autore di questo articolo