ARCHIVIO – I media e il racconto della violenza contro le donne.
Al Teatro della Società va in scena “Doppio taglio”

0

LECCO – Uno spettacolo che fa luce su come il mondo dei media affronti il tema della violenza contro le donne. Si tratta dell’evento promosso a Lecco proprio in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne: un appuntamento che è parte del ricco cartellone dell’iniziativa DoNna in Arte, voluta dal Fondo Carla Zanetti. Lo spettacolo, fissato per sabato 21 novembre alle 21 al Teatro della Società di Lecco, vedrà in scena l’attrice e autrice teatrale e radiofonica Marina Senesi, protagonista di un racconto dal titolo Doppio Taglio.

doppio-taglioNata da una ricerca di Cristina Gamberi e diretta da Lucia Vasini, la pièce è pensata per narrare il dramma della violenza sulle donne con un approccio diverso: non tanto una ricostruzione del punto di vista della vittima, del testimone o del carnefice, quanto una riflessione su quei meccanismi che agiscono senza che ce ne accorgiamo. È il racconto fornito dai media: un racconto che può condizionare, plasmare la nostra percezione dei fatti. Un riadattamento, Doppio Taglio, di una ricerca accademica condotta dalla Gamberi: una decostruzione dell’impianto lessicale e iconografico di articoli pubblicati su stampa e web, così da indagare il taglio comunicativo che i media applicano agli episodi di violenza sulle donne.

doppio-taglio1Lo spettacolo si avvale del contributo di immagini che scorrono, delle voci fuori campo di Filippo Solibello e Marco Ardemagni – conduttori del programma Caterpillar AM – e dalle musiche originati di Tanita Tikaram, cantautrice pop/folk inglese e di origini tedesche. «Quando Marina mi ha coinvolto in questo progetto – così Lucia Vasini nelle note di regia – ho immediatamente detto di sì per l’entusiasmo e la sincerità che la contraddistingue in ogni viaggio all’interno del teatro civile. Quando una sera dopo le prove mi ha telefonato a casa per dirmi: “Andiamo a Londra domani ad incontrare Tanita Tikaram?”, ho detto subito di sì senza pensare a nient’altro se non alla voce magica di questa grande musicista. L’incontro con Tanita è stato veloce, giusto il tempo della colazione nel centro della città. Ma in quelle due ore il tempo si è dilatato come succede durante i veri incontri. E allora le note di regia vorrei fossero proprio le parole di Tanita, formulate in un divertente italiano, attraverso una domanda diretta a Marina mentre velocemente raggiungevamo la metropolitana per il ritorno a Milano: “Marina, io non credo che il tuo racconto urli aggressivo, vero?”  Ci siamo guardate e intese: “No, no! ” abbiamo risposto in coro».

INFORMAZIONI – L’ingresso è libero sino a esaurimento posti. da una ricerca di Cristina Gamberi; adattamento Marina Senesi; con Marina Senesi; regia Lucia Vasini; voci fuori campo Filippo Solibello, Marco Ardemagni; musiche originali Tanita Tikaram; luci Arnaldo Ruota.

Share.

L'autore di questo articolo