ARCHIVIO – “Il Giardino delle Esperidi 2018” chiude tra teatro-danza e concerti. Tutti gli appuntamenti del terzo e ultimo fine settimana di festival

0

COLLE BRIANZA – Sarà un fine settimana di chiusura di festival dedicato al teatro-danza, con la prima nazionale degli spettacoli My Odissey della performer danese Tilde Knudsen e Let’s Dance della compagnia ceca Verte Dance e con la presentazione in anteprima di TRIEB_L’indagine, della danzatrice Chiara Ameglio. E poi, come sempre, un’articolata carrellata di spettacoli e di concerti, tutti in programma da venerdì 6 a domenica 8 luglio. Chiude così Il Giardino delle Esperidi 2018, il festival organizzato da Campsirago Residenza e che dallo scorso 21 giugno sta portando il teatro nei borghi e sui sentieri del Monte di Brianza.

Innanzitutto, andando con ordine, l’appuntamento di venerdì, quando alle 21 il quattrocentesco Palazzo Gambassi di Colle Brianza – sede di Campsirago Residenza – si farà ambientazione per la seconda replica dello spettacolo di Marco Ferro Il mio compleanno, una pièce che coniuga il linguaggio dell’immagine animata e la proiezione di sagome e acetati con la performance acustica di Stefano De Ponti e la narrazione di Marco Ferro. Ispirato a Migraine – saggio di Oliver Sacks sull’emicrania con aura – il racconto è a metà strada tra l’autobiografico e l’onirico, tra il reale e il surreale, e viaggia attraverso i desideri, i tormenti e le fragilità dell’epoca che stiamo vivendo.

TRIEB_L’indagine

Si rimane sempre a Palazzo Gambassi, precisamente nell’ex macelleria, sabato 7 luglio, quando alle 18, alle 19 e alle 21 Chiara Ameglio presenta l’anteprima del già citato TRIEB_L’indagine, un progetto di teatro-danza firmato da Fattoria Vittadini e Campsirago Residenza, incentrato sul tema delle mostruosità che si nascondono in ciascuno di noi e ad accesso limitato: 30, di volta in volta, gli spettatori che potranno partecipare alla rappresentazione. «Partendo da Il minotauro di F. Dürrenmatt- spiegano dal festival – la danzatrice riflette sul dramma personale della vita di ogni uomo, sui nostri demoni interiori e sulla rabbia che può condurre alla vendetta e all’omicidio».

My Odissey – foto di Ingrid Bugge

Alle 21.15 si prosegue con la prima nazionale di My Odissey, spettacolo prodotto da Asterions Hus e che porta in scena una delle maggiori performer danesi, capace di fondere teatro fisico, danza e improvvisazione per raccontare l’Odissea: Tilde Knudsen. L’incontro di Ulisse con il Ciclope, con le sirene, con l’arte della seduzione di Circe e, infine, il ritorno da Troia a Itaca si materializzano passo dopo passo, il tutto in uno spettacolo che raccoglie l’eredità del progetto “Meeting the Odissey”, per tre anni portato in giro a bordo del veliero Hoppet.

The ghost wolves

Ultimo appuntamento di sabato quello fissato per le 22.45, quando protagonista sarà la band americana The Ghost Wolves. Con alle spalle più di 500 concerti negli States e tre dischi, la coppia di coniugi Carley e Jonathan Wolf, chitarra e batteria, fanno tappa a Colle Brianza con il loro Garage Punk mischiato al Delta Blues.

Ricca, infine, la giornata di domenica: dopo lo spettacolo per bambini Little bang (alle 11, a Bestetto – via Vigneti 1) e il laboratorio esperienziale sul tema del silenzio SI’LɛNTSJOse Tracce (alle 16, a Campsirago Residenza. Offerta libera), alle 18 e alle 19 tocca a due nuove repliche di TRIEB_L’indagine di Chiara Ameglio, mentre alle 21 va in scena la prima nazionale di Let’s Dance della regista ceca Petra Tejnorová.

Let’s dance

Un appuntamento, quest’ultimo, che porta di nuovo alle Esperidi la compagnia Verte Dance, che gli organizzatori definiscono una delle più divertenti formazioni di teatrodanza europee: lo spettacolo è «un manuale ironico, irriverente e – spiegano – altamente godibile sulla danza contemporanea. O, in altre parole: un tentativo di fornire a coloro che sono intimoriti dalla danza le istruzioni per superare la loro paura». A chiudere la XIV edizione del festival sarà, alle 23, il concerto di Vale & The Varlet, duo composto da Valentina Paggio al pianoforte, voce e batteria elettronica e da Valeria Sturba al violino, theremin e sample keyboardse: una piccola ma ben assortita orchestra tascabile, alle Esperidi per presentare il  suo primo album: “Believer”.

INFORMAZIONI – Il Giardino delle Esperidi Festival è un progetto di Campsirago Residenza con il sostegno di MIBACT, Regione Lombardia, Fondazione Cariplo, Comuni di Colle Brianza, Ello, Galbiate, Olgiate Molgora. Il festival ha il riconoscimento di Europe For Festivals e il patrocinio della Provincia di Lecco. Main sponsor è Acel Service. BIGLIETTI – Biglietto per il primo spettacolo della serata 12 euro (ridotto 10 euro), ogni biglietto successivo nella stessa serata 8 euro (ridotto 5 euro), gli spettacoli di teatro per l’infanzia 5 euro. Info e prenotazioni: info@campsiragoresidenza.it | www.campsiragoresidenza.it/IT/esperidi2018.php

Share.

L'autore di questo articolo