ARCHIVIO – Omaggio al “Che Guevara” d’Africa
A “L’ultima luna” doppio appuntamento con “Senza Sankara” di Piccoli Idilli

0

LESMO – Uno spettacolo che vuole essere un omaggio a uno degli uomini politici più coraggiosi e rivoluzionari della storia del continente africano. Si tratta di Senza Sankara ed è la nuova produzione di Piccoli Idilli, che dopo la prima dello scorso giugno a Osnago torna in scena nell’ambito del festival L’Ultima luna d’estate e lo fa con un doppio appuntamento: mercoledì 7 settembre presso l’ex convento Canossiane di Lesmo e giovedì 8 al Castello di Bellusco (sempre alle 21). Ideato da Bintou Ouattara e da Filippo Ughi, lo spettacolo vede artisti burkinabè raccontare attraverso linguaggi artistici africani come la danza quella che è stata l’avventura del giovane presidente del Burkina Faso Thomas Sankara, assassinato nel 1987.

14_Senza Sankara 1974hd«Senza Sankara – spiegano da Piccoli Idilli – racconta i drammi dei nostri giorni dal punto di vista, stranamente insolito, dei più deboli, e chiede ai linguaggi delle culture africane di accompagnarci nel racconto di un tentativo di sovvertimento e ribaltamento di tutti gli ordini mondiali, passati, presenti e futuri».

Sì, perché quello di Sankara è stato, prima di tutto, un tentativo di far sentire la voce degli ultimi tra gli ultimi, ossia quella degli abitanti del paese più povero dell’Africa e che prima del suo arrivo si chiamava ancora con la denominazione coloniale di Alto Volta. sankaraIl giovane leader politico non solo voleva togliere dalla povertà la sua popolazione, ma voleva anche emanciparla culturalmente dall’oppressione coloniale in quella che chiamava la decolonizzazione delle menti. Un politico, Sankara, sui generis anche negli atteggiamenti: viaggiava per il mondo in classe economica, attraversava il paese con la sua Renault 5 presidenziale ed era chitarrista in una band, deciso a guadagnare poco o nulla dall’attività politica, perché, nella sua visione, era impossibile accettare che un paese poverissimo avesse un presidente e una classe politica ricca.

INFORMAZIONI – Per informazioni e prenotazioni: www.teatroinvito.it.

 

Share.

L'autore di questo articolo