ARCHIVIO – Parte il festival “Lecco Città dei Promessi Sposi”
Tra gli eventi del week-end una serata con gli Oblivion

0

LECCO – Aperitivi letterari, letture a bordo del Taxiboat e, per chiudere il fine settimana, gli Oblivion al Teatro della Società. Prende ufficialmente il via sabato 17 ottobre 2015 la rassegna culturale che la città di Lecco dedica ai Promessi sposi e al suo celebre autore. Dopo l’anticipazione che lo scorso 9 ottobre ha reso omaggio al compositore e musicista Giorgio Gaslini, il week-end del 17 e 18 ottobre apre a tutti gli effetti Lecco città dei Promessi Sposi, kermesse che anche per questa edizione proporrà spettacoli, concerti, mostre e conferenze dedicati al Manzoni e al suo capolavoro letterario, mettendoli in relazione, ove possibile, con l’attualità e il nostro territorio.

Realizzato dal Settore Educazione Cultura e Sport del Comune di Lecco e coordinato dal Si.M.U.L. – Polo Museale di Palazzo Belgiojoso, di settimana in settimana il festival ci condurrà sino al 25 novembre prossimo: più di un mese, quindi, per approfondire l’opera manzoniana attraverso linguaggi artistici diversi e contemporanei, dando attenzione particolare al pubblico giovanile e alla promozione turistica del territorio.

Allestimento per la Locanda Manzoni

Allestimento per la Locanda Manzoni

E così, come anticipato, si parte sabato 17, quando dalle 18 la storica Villa Manzoni di Lecco si farà ambientazione per il nuovo format intitolato Locanda Manzoni, promosso in collaborazione con Bis-Brianza in scena, Legambiente e Dinamo Culturale. L’appuntamento, parte di un cartellone più ricco, intende essere una sorta di occasione per «discutere su temi legati al filo conduttore del festival». La Locanda Manzoni diviene idealmente un luogo di incontro e di scambio, dove ascoltare della «buona musica e delle letture di brani tratti dai Promessi Sposi», ma anche assaporare cibi e bevande, come in una qualsiasi osteria che si rispetti.

primo menùA inaugurare sabato la mini rassegna sarà Le osterie di Manzoni, le osterie oggi, un appuntamento che verterà «sull’evoluzione – anticipano gli organizzatori – delle osterie da luogo d’incontro e svago popolare, anche nell’accezione negativa di luogo di cospirazioni e malaffare, a templi della cucina genuina e, a volte, anche ricercata e rinomata». A dialogare saranno Giacomo Mojoli dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche e Mauro Rossetto, direttore del Polo museale di Palazzo Belgiojoso, mentre l’accompagnamento musicale, fatto di canzoni popolari lombarde, sarà a cura di Gianluca Grossi (voce, chitarra), Sergio Sala (fisarmonica)e Mauro Bernabovi (violino e banjo). A lato il menù del primo appuntamento. La prenotazione è obbligatoria al numero 0341.481247 – 249.

Il festival prosegue domenica 18 ottobre con la lettura ad alta voce del primo capitolo de I Promessi Sposi e del Fermo e Lucia a bordo dei Taxiboat. A curare questo nuovo appuntamento è sempre Bis – Brianza in Scena, che propone un evento che permetterà di visitare i luoghi manzoniani dal lago di Lecco, il tutto mentre un attore leggerà ad alta voce i brani scelti. La visita in barca, in programma per tutta la mattinata e in tre turni (alle 9.45, 10.45 e 11.30), è gratuita ma con prenotazione obbligatoria al numero 0341.481247-249.

secondo menùSi torna in Villa Manzoni, invece, alle 18, quando è in programma un nuovo appuntamento con la Locanda Manzoni, questa volta dal titolo I capponi dell’Azzeccagarbugli, le polpette di Renzo e l’odierno tramonto delle carni. Un nuovo aperitivo letterario, quindi, che vedrà dialogare il critico d’arte Michele Tavola e il medico nutrizionista Marco Missaglia, accompagnati dagli intermezzi musicali di Lello Colombo al sax e Luca Pedeferri al piano e alla fisarmonica (Prenotazione obbligatoria. Accanto il menù del secondo appuntamento).

Chiude il primo fine settimana di festival, infine, uno degli appuntamenti di punta. A partire dalle 21 il Teatro della Società accoglierà, infatti, gli Oblivion in I promessi esplosi. oblivion1Sul palco lecchese salirà, infatti, il quintetto di attori reso celebre dalla riduzione (solo 10 minuti) del capolavoro manzoniano in chiave comica e musicale. Nel corso della serata Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda e Fabio Vagnarelli saranno protagonisti, infatti, di un incontro che gli organizzatori definiscono irriverente. L’ingresso al Teatro è libero sino a esaurimento posti.

Per conoscere il programma dettagliato dell’intero festival consultare il sito del Comune di Lecco.

Share.

L'autore di questo articolo