“Piccolo@home”: il Piccolo di Milano entra nelle case del pubblico.
Online spettacoli e contributi extra

0

ONLINE – Spettacoli storici e video nuovi, disponibili e fruibili online. Si chiama Piccolo@home e fino alla riapertura dello storico teatro milanese raccoglie sulla PiccoloTv numerosi documenti video, tra celebri spettacoli, prove e contributi speciali. In tempi di quarantena, il teatro entra, quindi, nelle case del pubblico: un’iniziativa voluta dal direttore del Piccolo Sergio Escobar e che ha preso il via lo scorso sabato 21 marzo.

«Non potendo realizzare e condividere con il pubblico, per ragioni di responsabilità, – spiega, infatti, il direttore – la natura più autentica del teatro, ovvero quella di essere spettacolo dal ‘vivo’, con Piccolo@Home abbiamo voluto rafforzare la nostra vicinanza a tutti coloro che frequentano il Piccolo Teatro, ma non solo, a tutto il teatro, a tutti i cittadini, a sostegno del teatro e della cultura, nella loro insostituibile vitalità».

Oltre quaranta i documenti, annunciati quotidianamente sul sito e sui profili social, che saranno disponibili, dagli spettacoli considerati più significativi della storia del Piccolo sino agli anni più recenti, con contributi speciali su prove di scena, interviste agli artisti, pièce nuove e approfondimenti su importanti produzioni, da Elvira e Le voci di dentro con Toni Servillo a Sanghenapule di Borrelli/Saviano. E poi ancora spettacoli internazionali come Slava e particolari iniziative passate, come il ciclo Ulissi: viaggio nelle Odissee, itinerario di riflessioni sul migrare che ha visto la partecipazione di interpreti del mondo della cultura quali, per citarne alcuni, Marco Paolini, Moni Ovadia o Vinicio Capossela.

Disponibile da sabato scorso, in particolare, la versione integrale de Il Miracolo della Cena, produzione del Piccolo interpretata da Sonia Bergamasco e diretta da Marco Rampoldi su testo di Paola Ornati. Una lettura scenica, la pièce, in cui l’attrice milanese si mette alla prova con alcuni scritti originali di Fernanda Wittgens e ne testimonia l’infaticabile impegno nella salvaguardia dei monumenti milanesi dai bombardamenti della Seconda Guerra mondiale. Una figura simbolo, Fernanda Wittgens, dell’appassionata resistenza che la cultura e la civiltà possono opporre alle peggiori emergenze, prima donna soprintendente della Pinacoteca di Brera.

INFORMAZIONI – Per accedere alla PiccoloTv cliccare qui.

Share.

L'autore di questo articolo