ARCHIVIO – Torna “Il Giardino delle Esperidi Festival”
Teatro, musica, danza e poesia tra borghi e sentieri del Monte di Brianza

0

MONTE DI BRIANZA – Un festival di spettacoli inediti e cult di teatro contemporaneo, in scena in luoghi suggestivi del Monte Brianza e quest’anno dedicati ai moderni naufraghi, i migranti, e al tema del viaggio. Torna Il Giardino delle Esperidi, il festival ideato e organizzato da Campsirago Residenza e in programma dal 30 giugno al 9 luglio 2017. Dieci giorni intensi per una tredicesima edizione che, come anticipato, guarda alla migrazione, intesa come spostamento di popoli, culture ed energie. Nato nel 2005, Il Giardino delle Esperidi combina ogni estate la bellezza del paesaggio e le arti performative, portando il teatro, la musica, la danza e la poesia in boschi, antiche chiese, ville e monumenti storici dell’Ecomuseo del Distretto dei Monti e dei Laghi Briantei.

esperidi mobyGLI APPUNTAMENTI - Per questa edizione si parte con Moby Dick (venerdì 30 giugno alle 21.30 Olgiate Molgora, Mondonico), una produzione targata Pleiadi Art Productions che mette insieme parole, suoni, gesti e attese. «Un lavoro lirico e ironico – così ne parlano dal festival – che alterna profondità individuale e azione collettiva per parlare di migrazione portando il pubblico a bordo della baleniera Pequod, con l’intero equipaggio del romanzo di Melville».

Già presente nella passata edizione e sempre molto apprezzato, invece, Hamlet Private, spettacolo per un solo spettatore in programma da venerdì 30 giugno a domenica 2 luglio dalle 15 (nella Biblioteca Comunale di Osnago) e prodotto da ScarlattineTeatro e Gnab Colletctive. Un’esperienza personale che lo spettatore farà con i dilemmi di Amleto: attraverso la lettura di carte, il performer abbandonerà il contesto teatrale tradizionale e condurrà lo spettatore nell’esplorazione delle vicende del personaggio shakespeariano.

numeri pentateucoOspite del festival, poi, la Confraternita del Chianti, che per la prima volta mette in scena nella sua interezza il suo progetto più ambizioso e maturo: Il Pentateuco, l’insieme dei primi cinque libri della Bibbia che qui si fa racconto in altrettante tappe di un popolo e del suo continuo migrare.  Cinque capitoli, gli spettacoli in cartellone, liberamente ispirati a Genesi (sabato 1 luglio alle 21, Colle Brianza – Campsirago), Esodo (domenica 2 luglio alle 22.30, San Michele al Barro, Galbiate), Levitico (lunedì 3 luglio alle 21, Consonno, Olginate), Numeri (lunedì 3 luglio alle 22.30, Consonno, Olginate) e Deuteronomio (sabato 8 luglio alle 20.30 Colle Brianza, Campsirago).

Venendo a sabato 1 luglio, dopo La notte – produzione delleAli liberamente ispirata a La notte poco prima della foresta di B.M. Koltes e in programma per le 22 a Palazzo Gambassi di Campsirago – dalle 23 tocca al concerto Dead Elvis, «nello stile più classico e iconico degli Elvis impersonators vestito bianco a collo ampio e pantaloni a zampa d’elefante», mentre domenica 2 luglio ci si sposta in una corte privata di Bestetto, a Colle Brianza, dove alle 12.30 la compagnia QuieOra porta lo spettacolo cult di “teatro e cibo” Saga Salsa, vero e proprio pranzo ricco di sapori ma anche di emozioni e storie.

Cada Die Teatro torna al Giardino delle Esperidi con l’anteprima del testo Cielo Nero (domenica 2 luglio alle 21, San Michele, Galbiate) per raccontare del ritorno da una guerra e la partenza per un’altra, di macerie, di amori, di solitudini e di risate, mentre Teatro Periferico debutta con Con me in paradiso, spettacolo che si interroga con semplicità su temi complessi, tra realtà e finzione (7 luglio alle 21, Osnago – Piazza della Chiesa).

Debuttano al festival anche Chiudi gli occhi di Scarlattineteatro (martedì 4 luglio alle 21, a Olgiate Molgora), «progetto che parte dalla necessità di incontrare il binomio luce–oscurità nella sua accezione metaforica vita–morte attraverso documenti, foto, download e video», e Matto 2 di Massimiliano Loizzi (mercoledì 5 luglio alle 21, Olgiate Molgora), monologo a tredici voci in bilico tra satira e poesia, denuncia e intrattenimento, a partire dai documenti sui fatti del G8 di Genova.

macbeth banquet3Giovedì 6 luglio (alle 21 a Colle Brianza) tocca a Catalyst e Camillocromo con il loro I Musicanti di Brema, concerto spettacolo fatto di musica e divertimento liberamente ispirato alla celebre fiaba dei fratelli Grimm, mentre ospite della kermesse sarà anche Teatro Invito, che venerdì 7 luglio (alle 22.30, a Osnago) porta in scena il suo Macbeth Banquet, spettacolo in cui la sanguinaria vicenda di Macbeth viene narrata da un cuoco che tra pentoloni e coltelli sviscera il testo shakespeariano, interpreta i vari personaggi, crea un curioso parallelismo tra la cucina e la tragedia del Bardo. Nei panni nel cuoco, ancora una volta, Luca Radaelli. E sempre Macbeth sarà al centro dello studio The Weirdsthe Wilds con i Kokoschka Revival, una performance con danzatori e musicisti per dar vita a otto quadri che ripercorrono liberamente la tragedia shakespeariana (sabato 8 luglio alle 22 a Palazzo Gambassi, Campsirago).

Il Collettivo Rooms mette in scena (sabato 8 luglio alle 21.30, sempre a Palazzo Gambassi di Campsirago) Cartografia, coreografia di danza per una danzatrice e un musicista dal vivo per riflettere sul tema del viaggio  inteso come transizione da uno spazio all’altro, mentre la serata si chiude con il concerto di Vincenzo Vasi e Valeria Sturba, che portano in Brianza il loro Ooopopoiooo, due theremin e due voci in «un mix di elettronica, ambient e minimalismo, immerso in ampi spazi di libera improvvisazione».

pleiadi1Giornata di chiusura del festival, infine, domenica 9 luglio, quando a Campsirago sono in programma tre spettacoli: si comincia alle 16 con Più veloce del raglio, spettacolo di teatro ragazzi di Cada Die Teatro, e si procede con un “one woman show” dal titolo Passioni, produzione di Pleiadi Art Productions che vedrà un’unica attrice – Mariasofia Alleva – dare volto e voce a quattro diversi personaggi femminili, arrivando a comporre un affresco della Donna, qui raccontata da diversi punti di vista. Infine il teatro di figura di Riserva Canini, che con Talita Kum porta in scena  un’attrice in dialogo con una marionetta.

INFORMAZIONI – Biglietti: intero 12 euro  ridotto10 euro (under 26, over 65, soci ARCI e clienti ACEL). Biglietto successivo nella stessa serata: 8 euro (5 ridotto). Abbonamenti a 40 euro. INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI: Campsirago Residenza: tel. +39 039 9276070 | e-mail info@campsiragoresidenza.it | sito www.campsiragoresidenza.it. Il festival è organizzato con il sostegno di Acel Service.

Share.

L'autore di questo articolo