“Lecco cineincittà”: tra corti e videoclip, due giorni con videomaker locali e non solo. Il racconto del festival

0

LECCO – Due serate, quella di venerdì 11 e sabato 12, in cui sul palco dello Spazio Teatro Invito di Lecco si sono susseguiti videomaker del lecchese e dall’Italia intera, il tutto grazie a un festival che vuole promuovere il cinema locale e indipendente. Stiamo parlando di Lecco cineincittà, la rassegna cinematografica organizzata dall’associazione Spettacolaree con il patrocinio e il sostegno del Comune di Lecco e della Provincia di Lecco e che intende dare spazio a registi più rodati e giovani videomaker, tutti alla prova con il fascino del medium cinematografico.

Assuefazione di Daniele Esposito

Una quarta edizione, quella che si è tenuta nello scorso fine settimana, che si è aperta con un primo appuntamento dedicato ai registi del territorio: una carrellata di proiezioni che nella serata di venerdì hanno mostrato gli ultimi lavori degli autori locali Marco Ongania, Ilaria Pezone, Antonio Losa, Alberto Alessi, Matteo Colombo e di alcuni membri dell’associazione organizzatrice, tra cui il giovane regista Daniele DNL Esposito. Protagonisti anche una serie di videoclip musicali, realizzati da giovani cantanti nostrani. Una serata, quella di venerdì, che ha potuto contare anche sulla presenza del Sindaco di Lecco Virginio Brivio, supporter, come si è dichiarato, del videomaking e al cinema locale.

La commissione artistica

Novità di questa edizione, invece, la serata di sabato, aperta a filmmaker giunti da tutta la Penisola: dodici cortometraggi selezionati dalla commissione artistica (composta da personalità del territorio quali i registi Paola Nessi, Corrado Colombo e Sabrina Bonaiti, dall’autore Alessandro Masciadri, dal critico cinematografico Gino Buscaglia, dagli attori Matteo Binda, Elisabetta Sala e Paolo Sandionigi, dal produttore Marcello Mereu e dagli studenti Andrea Capobianco, Samuel Trevisol e Alessia Calcaterra) e di generi diversi, dall’animazione 2d e 3d allo stop motion, dal thriller alle commedie, fino alle tragedie. Nelle vesti di conduttore della serata Davide Tagliabue, affiancato da Chiara Pasella, giovane attrice della compagnia teatrale Gruppo teatro bagai di Bernareggio.

Virginio Brivio sul palco

«Lecco – commenta Andrea Gianviti, vice presidente di Spettacolaree – merita di avere sale cinematografiche e un festival di qualità che ci piacerebbe migliorare e far crescere negli gli anni. Per noi era la prima edizione gestita in totale autonomia e siamo soddisfatti. Per il momento il pubblico è principalmente una nicchia, ma di anno in anno vorremmo avvicinare quanti più lecchesi possibile, a partire dai giovani. Il comune ci crede, noi anche, ora sta ai cittadini accogliere o meno questo tipo di evento, che è sempre migliorabile».

Share.

L'autore di questo articolo