ARCHIVIO – “Canaletto a Venezia”: con “La grande arte al cinema” un tour alla scoperta della città lagunare e dell’artista che ne è simbolo

0

GALBIATE – Oltre 200 dipinti, disegni e stampe per raccontare la vita e le opere del pittore che seppe cogliere l’essenza e il fascino di una delle città più amate al mondo: Venezia. Pensare ai dipinti e a Venezia porta con sé, immediatamente, un nome: quello di Canaletto. E la rassegna La grande Arte al Cinema, promossa da Nexo Digital e in cartellone anche al Cardinal Ferrari di Galbiate, proprio a Giovanni Antonio Canal dedica uno dei suoi appuntamenti. Si tratta della proiezione del film Canaletto a Venezia, in programma nella sala galbiatese per mercoledì 29 novembre, alle 21.

canaletto locandinaUn film che, in occasione della mostra “Canaletto e l’arte di Venezia” – conclusa da poco nella Galleria della Regina di Buckingham Palace, a Londra – vuole raccontare la maestria dell’artista e dei suoi contemporanei, offrendo straordinarie vedute sulla città di cui il pittore è simbolo indiscusso. Una visita guidata a distanza, potremmo dire, di tutti quei luoghi, dai canali alle piazze, che hanno conquistato il pittore, e insieme un accesso  alle due residenze reali ufficiali – Buckingham Palace e Windsor Castle – per conoscere più da vicino l’artista e le opere conservate presso la Royal Collection.

«Gli spettatori – così anticipano da Nexo Digital – si avventureranno in un singolare Grand Tour, visitando i luoghi amati dai contemporanei di Canaletto e da lui immortalati in vedute indimenticabili, dal Ponte del Rialto a Piazza San Marco, da Palazzo Ducale fino alla Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo, guidati dai curatori della Royal Collection Trust e dai maggiori esperti al mondo della storia di Venezia».

INFORMAZIONI – Biglietti: 10 euro, ridotti a 8 euro per gli iscritti a Avis Galbiate, Associazione pensionati Galbiate, Cif Galbiate, Gruppo alpini Monte Barro, Gruppo cinema Galbiate, titolari abbonamento I colori del cinema 2017-18, over 65 e under 25. Per informazioni www.cferrari.it.

Share.

L'autore di questo articolo