Da Raffaello a Frida Kahlo, passando per Dürer. Conferenze e visite guidate con “Grandi Mostre di Primavera” del Consorzio Villa Greppi

0

BRIANZA – Ci saranno nomi di grandissimo richiamo come Frida Kahlo e Raffaello, protagonisti delle mostre milanesi. Ma anche delle “piccole” chicche, come la conferenza che permetterà di approfondire la figura di Giovanni Boldini, artista italiano che ha dipinto e raccontato la belle époque. Con l’arrivo della Primavera il Consorzio Brianteo Villa Greppi torna a proporre il suo consueto ciclo di appuntamenti dedicato all’arte e agli artisti. Dal 15 marzo al 17 giugno in Brianza è tempo, infatti, di Grandi mostre di Primavera, la rassegna curata dalla storica dell’arte Simona Bartolena e che alterna conferenze e visite guidate a grandi mostre di Milano e Bergamo. Un nuovo calendario, quindi, per avvicinare il pubblico alla storia dell’arte, alle correnti artistiche e agli artisti, per questa edizione divenuto ancora più ampio. Cinque, infatti, gli appuntamenti in programma: una carrellata che permetterà di approfondire figure come Frida Kahlo, Raffaello, Albrecht Dürer e Giovanni Boldini, senza tralasciare il focus dedicato ai musei statunitensi.

kahlo mudecAd aprire la rassegna è un nome che è indiscusso protagonista della stagione di mostre: l’artista messicana Frida Kahlo. Due, nello specifico, gli eventi a lei dedicati: giovedì 15 marzo (alle 21, nella Sala Polifunzionale del Centro Socio Ricreativo Anziani “Farina” di Briosco) Simona Bartolena terrà la conferenza FRIDA KAHLO: dal Messico all’Europa e ritorno. Vita e opera di un mito del Novecento, seguita il 15 di aprile dalla visita guidata alla mostra FRIDA KAHLO. Oltre il mito (iscrizioni entro venerdì 30 marzo. Partenza alle 11.30), allestita al Museo delle culture di Milano. Un’esposizione, questa, che raccoglie oltre cento opere tra dipinti, disegni e fotografie per raccontare l’arte della pittrice messicana al di là dei suoi traumi familiari, della tormentata relazione con Diego Rivera, del desiderio frustrato di essere madre e della sua tragica lotta contro la malattia. Una mostra che, come anticipa il titolo, vuole andare oltre la leggenda che si è creata attorno alla vita dell’artista.

Raffaello e l'Eco del mito. Triennale di MilanoSecondo protagonista del ciclo di incontri è Raffaello: l’11 di aprile (alle 21, nell’Aula Magna Niso Fumagalli di Sirtori) Bartolena parlerà di RAFFAELLO: il mito e l’eredità. Il riflesso dello stile del pittore urbinate nella pittura dal Rinascimento all’età contemporanea e preparerà il pubblico alla successiva visita guidata alla mostra RAFFAELLO e l’eco del mito (in programma per il 22 aprile, iscrizioni entro venerdì 30 marzo. Partenza alle 12), quest’ultima allestita alla GaMeC di Bergamo. Un percorso, la mostra, che partendo dal San Sebastiano dell’Accademia Carrara racconta la formazione del maestro urbinate, la sua attività e la sua fortuna e che vuole far dialogare preziose opere di Raffaello in prestito dai più importanti musei del mondo e grandi maestri dal Quattrocento ai giorni nostri.

durerNon poteva mancare nel cartellone un’altra grande mostra milanese: ALBRECHT DÜRER e il Rinascimento fra la Germania e l’Italia (fissata per domenica 20 maggio 2018. Iscrizioni entro il 27 aprile 2018. Partenza ore 14.30), allestita a Palazzo Reale. In mostra circa 130 capolavori dell’artista del Rinascimento tedesco nel suo momento di massima apertura verso l’Europa, il tutto in un percorso che, attraverso una selezione di opere di Dürer e di alcuni artisti tedeschi e italiani suoi contemporanei, indaga i rapporti artistici tra nord e sud Europa tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento. E, come sempre, in preparazione alla visita guidata è in cartellone anche una conferenza: il 9 maggio (alle 21, nella Sala consiliare di Triuggio) Simona Bartolena analizzerà proprio ALBRECHT DÜRER: un genio del Rinascimento tra Italia e Germania.

boldiniForse meno mainstream ma sicuramente interessante anche l’appuntamento successivo: quello che il 23 maggio (alle 21, La Casetta di Via del Fontanile 8 – Montevecchia) vedrà la curatrice della rassegna parlare di Giovanni Boldini. Titolo della conferenza è BOLDINI, LE SUE DONNE, LA SUA PITTURA: Tra Ottocento e Belle époque, un racconto tra arte e società: un’opportunità per  scoprire «un artista italiano – anticipano dal Consorzio – che nelle sue opere ha saputo ricostruire le atmosfere di un’epoca, la belle époque, fatta di abiti sontuosi e fruscianti e di salotti».

Infine gli ultimi due appuntamenti della stagione, entrambi dedicati ai musei americani: dopo la conferenza che il 7 giugno (alle 21, nella biblioteca civica di Veduggio con Colzano) farà conoscere ai presenti la storia delle istituzioni museali statunitensi e delle loro collezioni, domenica 17 giugno (iscrizioni entro il 25 maggio. Partenza alle 13) è fissata l’ultima visita guidata a Palazzo Reale, questa volta per visionare la mostra IMPRESSIONISMO E AVANGUARDIE. Capolavori dal Philadelphia Museum of Art. DegasUn’esposizione, questa, che raccoglie 50 lavori tra dipinti e sculture appartenenti alla collezione americana, dai paesaggi di Monet fino alle sperimentazioni di Picasso e Kandinsky.

INFORMAZIONI – Per informazioni: Consorzio Brianteo Villa Greppi: info@villagreppi.it | tel. 039 9207160. Le conferenze sono a ingresso libero. Prezzi per le visite alle mostre: mostra singola 24 euro, 4 mostre 80 euro (comprensivi di trasporto in pullman, ingresso e visita guidata). Il pullman parte dal parcheggio dell’Iss Greppi a Monticello Brianza. Qui il depliant scaricabile.

Share.

L'autore di questo articolo