De Chirico, “Da Morandi a Sironi, a Morlotti” e molto altro. Ecco le anticipazioni sulle mostre del 2015

0

LECCO – Da De Chirico, una gita a Lecco alla prima mostra fotografica personale di Luigi Erba in uno spazio pubblico lecchese. E poi ancora l’altra attesissima esposizione, che sul finire del 2015 porterà a Palazzo delle Paure opere, tra gli altri, di Morandi, Boccioni, Carrà e Morlotti, ma anche il percorso che, in occasione del centenario dell’ingresso dell’Italia nel primo conflitto mondiale, sarà interamente dedicato proprio alla Grande Guerra. L’anno appena cominciato promette bene: la nostra città accoglierà, infatti, una serie di eventi da non perdere per gli appassionati d’arte. Un susseguirsi di appuntamenti di cui vi parleremo con maggiore approfondimento di volta in volta e di cui oggi vi forniamo alcune interessanti anticipazioni.

de chiricoAd attirare da subito la nostra attenzione è, sicuramente, quel nome che proprio non può passare inosservato: Giorgio De Chirico, protagonista di una mostra che sarà allestita a Palazzo delle Paure dal 14 giugno al 13 di settembre. Un’esposizione da titolo De Chirico, una gita a Lecco, che stando a quanto anticipato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Lecco prenderà le mosse da un racconto scritto e pubblicato dallo stesso pittore metafisico nel ’39. Un viaggio da Milano a Lecco per andare a mangiare lumache, descritto minuziosamente e ricco di citazioni sul nostro territorio. E così la città riprenderà questo testo per dare vita a una mostra che intende essere multisensoriale e interattiva, all’interno della quale si potranno visionare opere del grande artista ma anche oggetti di design, fotografie d’epoca e materiali di vario genere, tutti selezionati per raccontare questa storia.

morandi

“La strada bianca”, Giorgio Morandi

Non solo De Chirico, però: attesi a Lecco anche altri grandissimi nomi. A partire da dicembre prossimo, il maggiore spazio espositivo cittadino accoglierà anche la mostra Da Morandi a Sironi, a Morlotti: il paesaggio nella pittura italiana fra le due guerre. Un’esposizione, questa, resa possibile grazie all’iniziativa della Fondazione della Provincia di Lecco Onlus, che in collaborazione con il Liceo Manzoni proporrà un percorso articolato in due sezioni, entrambe dedicate al tema del paesaggio. La prima, più ampia, ricostruirà vicende più o meno note ma di rilievo della pittura in Italia tra i due conflitti mondiali, mentre la seconda partirà da un piccolo nucleo di opere di Morlotti per poi indagare l’eredità di questa pittura sulla generazione artistica a cavallo della seconda guerra mondiale. Circa una trentina di opere, quindi, tra cui lavori di Boccioni, Carrà, De Grada, De Pisis, Funi, Gola, Morandi, Rosai e Sironi.

Luigi Erba

Luigi Erba

Attesa, come anticipato, anche la personale dedicata a Luigi Erba e in programma sempre a Palazzo delle Paure dal 4 ottobre al 29 di novembre. Un’esposizione dal titolo L’altrove qui, promossa da Api Lecco e dal Comune per rendere omaggio al grande fotografo lecchese.

Sostituirà presto la mostra di Donato Frisia (visitabile sino al prossimo primo di febbraio), invece, l’esposizione realizzata in collaborazione con il Museo d’Arte di Mendrisio e dal titolo Disegno e Dinamite. Le riviste illustrate tra satira e denuncia. Prevista dal primo di marzo al 31 di maggio 2015, la mostra è l’appendice italiana di un grande progetto ideato dal Dicastero Museo e Cultura Mendrisio che tocca temi e ideali cari all’anarchia tra passato e presente, conducendo lo spettatore attraverso un programma di frontiera in luoghi e sedi del Mendrisiotto, a Luino e a Lecco. Focus, quindi, sulle riviste illustrate e sulla loro capacità di satira e critica, in un momento storico in cui questo tema torna drammaticamente alla ribalta.

Numerosi, poi, anche gli appuntamenti in programma in quello che l’assessore Michele Tavola definisce lo spazio del territorio per il territorio, ossia la Torre Viscontea. Qui si parte il 15 di febbraio con una mostra dedicata al gruppo Pittura Uno, realtà attiva a Lecco dal 1984 al 1991 con mostre d’arte e dibattiti su temi quali la diseguaglianza, la guerra, il male. «Un gruppo – spiega il portavoce Piero Vannucci – che alla produzione artistica ha sempre affiancato l’impegno civile, convinto che l’arte possa indicare la soluzione dei problemi». La mostra sarà quindi l’occasione per conoscere la storia del gruppo e visionarne le opere, alcune nuove.

trinceaDopo un percorso sperimentale rivolto alle scuole materne e in programma dal 12 aprile al 31 maggio, la Torre accoglierà anche la mostra Bruno Biffi. Le montagne incise, percorso dedicato al soggetto sviluppato dall’artista con passione: quello della montagna (dal 7 giugno al 26 luglio). Immancabile, poi, l’annuale appuntamento con la mostra fotografica sul viaggio di Immagimondo (dal 13 settembre al 18 ottobre), mentre il 7 di novembre sarà la volta di Materiali per la memoria, una mostra che «non riguarderà tanto tematiche militari – spiega Mauro Rossetto, Direttore del Polo museale di Palazzo Belgiojoso – bensì la vita quotidiana, le vicende dei reduci e dei feriti, la propaganda, il tutto attraverso documentazione archivistica e fotografica. Un appuntamento – conclude – che speriamo possa presto tramutarsi in un nuovo allestimento permanente all’interno del Museo Storico di Lecco».

Non resta che attendere i primi appuntamenti in calendario.

Share.

L'autore di questo articolo