ARCHIVIO – Galimberti, Missiroli, Rumiz, Grasso e molto altro a “Leggermente 2019”

0

Paolo Rumiz

LECCO – Gli scrittori Paolo Rumiz, Marco Missiroli e Giacomo Papi, i filosofi Pier Aldo Rovatti, Umberto Galimberti, Valeria Babini e Stefano Zecchi. E poi ancora il politologo Alberto Martinelli, l’ex Presidente del Senato Pietro Grasso e il docente di Letteratura e cultura nell’Italia contemporanea dell’Università degli Studi di Milano Mauro Novelli. Sono solo alcuni dei protagonisti della decima edizione di Leggermente, la rassegna letteraria organizzata e promossa da Assocultura Confcormercio Lecco con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Regione Lombardia e in collaborazione con la Camera di Commercio di Lecco, l’Amministrazione Provinciale di Lecco, il Comune di Lecco e l’Ufficio Scolastico Provinciale. Un’edizione, quella 2019, che punterà l’attenzione più sulla saggistica e sugli interventi di studiosi e docenti universitari che sui romanzi e che ha come fil rouge il tema in gioco.

«Attraverso il gioco – spiega infatti il membro del comitato scientifico Rosanna Castelnuovo – gli esseri umani da un lato si confrontano e dall’altro si avventurano in esperienze di trasformazione di sé. Il gioco è esperienza importante se giocare vuole dire stare dentro uno spazio separato in cui la realtà viene sospesa, in cui si mette in gioco qualcosa di sé, praticando un’autentica sospensione delle illusioni cui è aggrappata la nostra identità, quali, ad esempio, quella di dominio sull’altro. Abbiamo infatti bisogno di mettere in gioco noi stessi, in modo tale da evitare gli irrigidimenti, le illusioni della padronanza su noi stessi e sugli altri. Saper giocare significa imparare a rinunciare alla pretesa di governare in toto la propria soggettività, accettando – conclude – una qualche forma di perdita di sé». Una riflessione sul gioco e sulla sua complessità, senza però ridurre questa attività, come troppo spesso capita, al solo agonismo compulsivo caratterizzato dall’ansia di vincere.

Pietro Grasso

Numerosi, quindi, gli appuntamenti in programma a partire dal 12 fino al 24 marzo. A seguire vi daremo solo qualche suggerimento, per un programma che conta ben 167 eventi tra Lecco e provincia. Tra gli ospiti più attesi Stefano Zecchi, che martedì 12 marzo alle 18 nella Sala Conferenze del Palazzo del Commercio presenterà il suo romanzo L’amore nel fuoco della guerra, ambientato nella Zara della seconda guerra mondiale. Sempre nella prima settimana di particolare interesse è l’incontro con l’ex presidente del senato Pietro Grasso, che nella serata di venerdì 15 marzo (alle 21) parlerà del suo Storie di sangue amici e fantasmi, un volume che ripercorre la sua carriera di magistrato impegnato contro la mafia: dalle strade di Palermo all’aula del Maxiprocesso, dalle scene del crimine alle campagne rifugio per molti latitanti fino al ricordo di uomini di stato e amici, portati via troppo presto dal crimine organizzato.

Giacomo Papi

Si entra poi nel vivo del festival la settimana seguente, con giornate ricche di incontri e presentazioni, come quella con il filosofo Pier Aldo Rovatti, che giovedì 21 marzo alle 18 (nella Sala Conferenze del Palazzo del Commercio) terrà un intervento centrale per tutta la rassegna dal titolo Rimettersi in gioco: contro l’ossessione di vincere e il dominio dell’etica della prestazione. Un giorno da segnarsi in agenda è poi quello di venerdì 22 marzo, quando Palazzo del Commercio sarà la sede di alcuni degli appuntamenti clou di Leggermente: si parte alle 17 con la presentazione di La finestra di Leopardi di Mauro Novelli, un viaggio ironico e sentimentale alla scoperta delle dimore di alcuni dei più grandi scrittori italiani, seguito subito dopo da Giacomo Papi con il suo libro Il censimento dei radical chic (qui la nostra recensione). La giornata si chiuderà alle 21 con l’incontro con lo scrittore Paolo Rumiz: il giornalista triestino torna quindi a Leggermente con il suo ultimissimo lavoro, Il filo infinito, un affascinante viaggio nel tempo nello spazio alla scoperta di coloro che salvarono una cultura millenaria, costruirono l’Europa e rimisero in ordine un territorio devastato e abbandonato, i monaci benedettini.

Marco Missiroli

Uno dei libri favoriti per lo Strega sarà invece presentato sabato 23 alle 18 alla Libreria Volante di Lecco: si tratta del romanzo Fedeltà di Marco Missiroli. Gran chiusura, infine, con l’attesa giornata di domenica 24 con le conferenze del politologo Alberto Martinelli (La politica solo gioco di potere?), della filosofa Valeria Paola Babini (La relazione con l’altro oggi. Un gioco a somma zero) e di Umberto Galimberti (I giovani in gioco nel contesto attuale. Consapevolezza di potenzialità e limiti nella costruzione del proprio futuro). Le prime due si terranno alle 10.30 e alle 16 nella Sala Conferenze del Palazzo del Commercio, mentre la seconda alle 18.30 allo Spazio teatro Invito.

Per tutta la durata del festival, ci saranno anche incontri per le scuole, spettacoli teatrali e mostre. Per conoscere tutti gli ospiti di Leggermente e il programma cliccare qui.

Share.

L'autore di questo articolo